frittura_patate

Fritto o non fritto, questo è il problema. Il dubbio amletico si ripropone ogni qual volta ci si ritrova a fare i conti con uno dei metodi di cottura più gustosi, saporiti e irresistibili, nella convinzione che la volontà di accontentare i gusti del palato possa portarci a dover fare i conti con la salute. Nella girandola delle ricerche che, a turno, condannano o salvano la frittura, ecco arrivare una ricerca spagnola, pubblicata sul British Medical Journal, che ne chiarisce alcuni punti oscuri.

E che sembra proprio cadere “a fagiolo” con il carnevale e la sua parata di dolci rigorosamente fritti alle porte. Bugie, cenci, chiacchiere, cioffe e frappe, chiamatele come volete, secondo lo studio spagnolo, non farebbero male. Ma solo se fritte in olio d’oliva o di girasole, gli unici in grado di scongiurare il rischio di malattie cardiache, pressione alta e colesterolo alta, tutte legate all'assunzione di alimenti fritti.

È questo quello che sono riusciti a stabilire i ricercatori dell’Università Autonoma di Madrid, dopo aver esaminato le abitudini di oltre 40.757 persone, di età compresa tra i 29 e i 69 anni, in un arco di tempo lungo ben 11 anni. I ricercatori hanno registrato il numero di volte in cui i partecipanti consumavano cibo fritto e il numero di decessi per problemi cardiovascolari registrati negli undici anni di follow-up, in tutto 1.134, o di malattie legate a disturbi del cuore e di arterie, circa 606 casi. Incrociando i due dati, hanno potuto chiarire che non c’era alcuna associazione tra le due cose.

Secondo Pilar Guallar-Castillon, questi numeri mostrano chiaramente che anche in un Paese come la Spagna, dove grandi quantità di cibi fritti vengono consumati sia dentro che fuori casa giornalmente, “non è stata osservata alcuna associazione tra il loro consumo e il rischio di malattie coronarica o di morte. Il nostro studio sfata il mito che vuole il cibo fritto generalmente legato a queste malattie”. Ma, a salvare le arterie degli spagnoli, secondo i ricercatori, sarebbero le materie prime della dieta mediterranea, cioè l’olio di oliva e quello di semi di girasole: con grassi solidi come quelli animali o riutilizzati, infatti, il rischio sarebbe molto più alto.

Assodato che friggere in olio di oliva o in olio di semi di girasole non comporta rischi per la salute, è bene fare un ripassino sulle poche e semplici regole per ottenere una “sana” frittura casalinga: è importante mantenere la temperatura dell’olio fra 160° e 180°C, non mettere a friggere troppi alimenti insieme e assicurarsi di farli “sgocciolare” ben bene su carta assorbente. Mai e poi mai, infine, riutilizzare l’olio fritto. E quest'ultimo non dimentichiamoci di smaltirlo correttamente per evitare di far male anche all'ambiente,

Ora…via libera ai dolci di carnevale!

Roberta Ragni

cosmetici pelle lavera

Lavera

Come difendere la pelle dall'inquinamento quotidiano

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
21 giugno 300 x 90
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram