educazione_alimentare_scuole

Educare gli studenti italiani a mangiare sano, nutrirsi bene e restare in salute. È questo l’obiettivo della campagna di informazione alimentare che partirà a gennaio del prossimo anno e coinvolgerà tutte le scuole medie italiane.

Agli studenti verrà insegnata l'educazione alimentare a partire dai tempi e modi di assunzione dei cibi, fino alla storia dei processi in campo agricolo. Il programma, dal titolo 'Salute e Cibo. Piani di educazione scolastica alimentare' è stato presentato a Milano e fa seguito ad un protocollo d'intesa siglato da Federalimentare e dal ministero dell'Istruzione, che propone la condivisione nazionale dell’iniziativa.

Il progetto educativo mira ad informare i ragazzi sull’attualità evidenziando che “non esistono cibi buoni e cattivi, ma corrette modalità e frequenze di consumo" - spiega Filippo Ferrua, presidente di Federalimentare - L'industria alimentare italiana collabora con le istituzioni per stili di vita più sani”.

La novità sostanziale del progetto risiede nella didattica: i ragazzi non seguiranno lezioni contingentate nell’ora di educazione alimentare, ma affronteranno l’argomento nel corso di tutte le ore di lezione e nell’ambito di tutte le materie studiate quotidianamente.

Ci sarà quindi un approccio trasversale: nelle ore di scienze approfondiranno i processi produttivi, in quelle di storia e geografia l'evoluzione dei modelli alimentari nei secoli o le tipicità del territorio, mentre in quelle di italiano le insegnanti si focalizzeranno sulle parole del cibo.
Il progetto coinvolgerà 77.000 classi - per un totale di 1,6 milioni di alunni e rispettive famiglie - 148.000 insegnanti e prevede anche scambi di esperienze con aziende agricole, favorendo stage per il personale scolastico e attività di ricerca per l'università.

Inoltre, Federalimentare pubblicherà i dati sui fabbisogni formativi delle imprese, mentre il Miur darà delle linee guida per favorire l'offerta formativa proposta dalle imprese e la domanda del sistema scolastico.
Iniziata nel 2009 con un progetto pilota, che si è esteso per tutto il 2010, l’iniziativa Scuola e cibo ha già coinvolto 15 scuole elementari di Milano, Roma e Catania e il prossimo novembre proseguirà con dei corsi di formazione per docenti e dirigenti scolastici di scuole medie.
Il programma Scuola e cibo – ha detto Riccardo Garosci, presidente del comitato Miur - si estenderà progressivamente anche agli studenti delle scuole superiori, fino all'università' per coprire l'intero ciclo educativo e formare le nuove generazioni anche in vista dell'Expo del 2015”.

Verdiana Amorosi

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram