Pomodoro: se cotto arma efficace contro ipertensione e colesterolo alto

pomodoro_cotto

Simbolo della dieta mediterranea e prezioso alleato della salute grazie alla sua carica di vitamina C, il pomodoro è anche un rimedio naturale per combattere il colesterolo alto e l’ipertensione, specie se mangiato cotto e assunto con regolarità.

Il merito è del licopene, un carotenoide antiossidante più potente del betacarotene, in grado addirittura di ridurre il rischio di infarti o ictus, che potrebbe essere un'efficace alternativa alle statine, i farmaci normalmente prescritti nei casi di rischio cardiovascolare.

A scoprire le potenzialità del pomodoro è stato un team di ricercatori australiani, coordinati da Karin Ried, della University of Adelaide, che ha analizzato i risultati di 14 studi internazionali sui benefici della particolare sostanza, alla base delle proprietà virtuose del pomodoro.
In particolare, i test effettuati dal team di australiani hanno dimostrato che il licopene viene assorbito di più e meglio quando i pomodori sono cotti.

“Assunto quotidianamente in dosi superiori ai 25 milligrammi - ha detto Ried, l'autore della ricerca pubblicata su “Maturitas” - il licopene può ridurre il colesterolo cattivo fino al 10%”.

Bastano infatti cinquanta grammi di concentrato di pomodoro al giorno, o un litro e mezzo di succo, per avere lo stesso effetto dato dai farmaci prescritti a chi ha problemi con la pressione alta.

Ma non è tutto, perché il licopene è efficace anche contro il processo di invecchiamento ed è utile per combattere gli effetti nocivi dei raggi UV, proprio come se ci mettessimo una crema solare a bassa protezione.
Via libera quindi a bruschette, pasta e pizza, senza esagerare troppo con i carboidrati naturalmente! Un motivo in più anche per provare a fare la salsa di pomodoro fai-da-te seguendo le nostre istruzioni.

Verdiana Amorosi