kiwi

Che il kiwi facesse bene all’organismo lo sapevano quasi tutti: ha pochi zuccheri, contiene un tasso altissimo di vitamina C e aiuta il drenaggio, ma che fosse il re degli antiossidanti non lo sapeva probabilmente nessuno.

Secondo una ricerca effettuata dalla Teikyo University di Tokyo, pubblicata anche sulla rivista “Biological And Pharmaceutical Bulletin”, questo miracoloso frutto contiene livelli così alti di antiossidanti da battere addirittura gli agrumi, come arance, pompelmi e mandarini, e le mele.

Il primato del kiwi è dovuto all’elevata presenza di polifenoli, sostanze importantissime, che proteggono dalle malattie causate da arteriosclerosi, insufficienza cardiaca, morbo di Alzheimer, ma anche cancro e Parkinson e aiutano a combattere l’invecchiamento, arrivando ad irrobustire l’organismo e a proteggerlo anche dai segni del tempo.

Ma come sono arrivati a questa conclusione?
Gli studiosi hanno dedotto le proprietà terapeutiche del kiwi grazie ad un esperimento che ha coinvolto un gruppo di volontari, cui è stato chiesto di mangiare tre kiwi al giorno con l’obiettivo di verificare successivamente il livello degli antiossidanti dalle analisi delle urine.

Maattenzione perché non tutti i kiwi sono uguali: la qualità “gold” infatti contiene un tasso maggiore di polifenoli, circa 1.04 milligrammi per millimetro, rispetto a quella “verde”, che si ferma a 0.85 milligrammi per millimetro.

Ma quando comprarli? La stagione dei kiwi va da novembre a giugno, maggio per quelli italiani. Per cui pronti a fare incetta di questo super frutto?

Verdiana Amorosi

LEGGI anche:

Kiwi: frutto dalle mille proprietà, utilizzi e benefici

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram