dieta_mediterranea

Pensate che la dieta zona sia la più adatta per chi soffre di diabete o problemicardiovascolari? Sbagliato! Secondo uno studio pubblicato sul Journal of AmericanCollege of Cardiology, la dieta mediterranea è uno degli strumenti più efficaci per tenere sotto controllo alcuni dei disturbi più diffusi nella società contemporanea, come sindrome metabolica, obesità, colesterolo, diabete e malattie cardiovascolari.

Negli ultimi anni le voci a favore della cucina mediterranea - che premia frutta, verdura, pesce, ma anche formaggi magri, pasta e pizza (purché in misuraragionevole) – si sono moltiplicate, con tanto di riconoscimento da parte dell'Unesco come patrimonio dell'umanità, ma sempre con qualche riserva e spesso prive di uno studio scientifico consolidato. Adesso però, l’ultimo studio pubblicato sull’argomento ha spazzato via ogni dubbio: la dieta mediterranea fa bene alla salute e aiuta a mantenersi in forma.

In particolare, lo studio afferma che seguire una dieta mediterranea aiuta a tenere sotto controllo l’insorgenza della sindrome metabolica, l’obesità – specie quella addominale - i livelli del colesterolo HDL (quello comunemente definito “cattivo”)e dei trigliceridi, i valori della pressione sanguigna, il funzionamento del glucosio; inoltre consente di ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, il diabete di tipo 2, ha proprietà antiossidanti, anti-infiammatorie e perfino dei benefici contro alcunitipi di cancro.

La prevalenza della sindrome metabolica – ha detto Demosthenes Panagiotakos, del Dipartimento di Scienze della Dietetica e della Nutrizione dell'Università Harokopio di Atene, che ha guidato lo studio - è in rapido aumento in tutto il mondo, in parallelo con la crescente incidenza di diabete e obesità. Lasindrome metabolica è una delle principali cause dell'insorgenza delle malattiecardiovascolari. Per questi motivi la prevenzione di questa condizione è di notevoleimportanza”.

E c’è di più: chi mangia mediterraneo riduce il rischio di mortalità!

Ma come sono arrivati a queste conclusioni?I risultati dello studio – in realtà – provengono dall’analisi e la comparazione dei dati presi da oltre 50 report sulla dieta mediterranea, effettuati complessivamente su oltre 500.000 persone.
Via libera quindi all'olio d'oliva, frutta, verdura, cereali integrali e latticini a bassocontenuto di grasso, ma anche pesce, pollame, noci e legumi!

Verdiana Amorosi

Fonte: ScienceDaily

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram