Made in Italy: parmigiano, olio e prosciutto non saranno più etichettati come cibi nocivi (al pari del fumo)

Prosciutto

Salvi i cibi italiani, come parmigiano, prosciutto e olio di oliva, che potevano essere tassati perché ad alto contenuto di zucchero, grassi e sale. Ma siamo sicuri che desistere dal mangiare prosciutto non avrebbe fatto bene a noi e anche all'ambiente?

Prosciutto e olio non saranno bollati come “cibi nocivi” al pari del fumo: i prodotti più tipici del Made in Italy sono salvi da una maggiore tassazione. L’Assemblea Generale ha infatti promosso una risoluzione che non menziona, a differenza del primo testo presentato al Palazzo di Vetro, la necessità di adottare etichette e una tassazione più elevata per dissuadere dal consumo dei cosiddetti “cibi nocivi”. Certo, per l'uso dell'olio - ingrediente principe della nostra dieta mediterranea - un "bollino nero" poteva essere un elemento a sfavore, ma per il prosciutto... forse no.

Esultano così le associazioni di categoria e il ministero all'Agricoltura. Il motivo? Un’etichetta a semaforo avrebbe penalizzato pesantemente un comparto – quello dell’agroalimentare – che in Italia è considerato , lo si voglia o no, un fiore all’occhiello. Di contro, la proposta presentata e approvata il 13 dicembre si limita solo ad invitare gli Stati a promuovere "una dieta e uno stile di vita sano". Più precisamente, al punto 16 si legge l'intento di "preservare l'alimentazione tradizionale, considerata parte dell'eredità culturale" di ciascun Paese.

Se, infatti, obiettivo di Oms e Onu è far comprendere che ridurre il consumo degli alimenti ricchi di grassi saturi, sale, zuccheri aiuta a prevenire le malattie non trasmissibili, da quelle cardiovascolari a quelle metaboliche, si sarebbe inteso che il metodo migliore non è quello di tassare i migliori prodotti delle tradizioni alimentari e non solo italiani (basti pensare ai formaggi francesi o al jamòn iberico).

Un allarme che era scattato nel momento in cui era iniziata la discussione su una risoluzione che esortava gli Stati membri a promuovere “diete e stili di vita sani, inclusa attività fisica, attraverso azioni e politiche per porre in atto tutti gli impegni legati alla nutrizione, compresi quelli assunti dai capi di Stato e di governo nei vertici sulle malattie non trasmissibili e dall'Oms”.

Nella prima versione del testo si volevano adottare etichette a fronte-pacco e una tassazione più alta per sconsigliare il consumo di alcuni prodotti. E molti cibi della dieta mediterranea avrebbero rischiato di essere penalizzati: sulla bottiglia di olio avremmo potuto trovare un bollino con scritto una cosa del tipo “cibo insalubre”. 

Con la versione definitiva della risoluzione, approvata ieri 157 voti a favore, due contrari e un’astensione, la formulazione è stata cambiata facendo leva proprio sulle diete complessivamente non salutari, senza più menzione alcuna nemmeno su quello che potrebbe significare, per esempio, un allevamento intensivo e del tutto fuori controllo di suini.

Se è vero come è vero, come affermano da Coldiretti, che il provvedimento avrebbe potuto "mettere alla gogna l'85% in valore del 'made in Italy' a denominazione di origine (Dop)", è d'altronde molto probabile che sui formaggi e sui prosciutti non tutti la pensano così e avrebbero trovato una maggiore tassazione una cosa giusta e dovuta, per scongiurarne un eccessivo consumo

Leggi anche

Germana Carillo

arona tgi

SEAT

Nuova SEAT Arona TGI a metano: prezzi, modelli e caratteristiche

trocathlon320

Trocathlon

Come vendere e acquistare attrezzatura sportiva usata per aiutare l'ambiente

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
oli essenziali
ricette
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi pagamento
whatsapp gratis
seguici su instagram