Mense dell'orrore: cibi scaduti, topi e parassiti nelle scuole dei nostri figli

mense Nas

Cucine da incubo. Non è solo il titolo del programma tv, accade davvero. Nelle scuole italiane, infatti, alcune mense presentano  gravi problemi igienico-sanitari, con alimenti mal conservati se non scaduti. Lo rivela il Ministero della salute, secondo cui i Nas hanno chiuso ben 7 strutture.

In tutto sono state 224 le mense ispezionate negli istituti scolastici italiani. Tra queste, 81 hanno evidenziato irregolarità, 7 presentavano una situazione igienico-strutturale grave, per questo è stata disposta la sospensione del servizio.

Alle 81 mense in cui sono state scoperte irregolarità sono state contestate 14 violazioni penali, 95 infrazioni amministrative alle normative nazionali e comunitarie con il deferimento di 15 persone alle competenti Autorità Giudiziarie oltre alla segnalazione di 67 soggetti alle Autorità Amministrative. In più multe oltre i 576mila euro.

Sono state sequestrate oltre 2 tonnellate di alimenti di vario genere, pesce, carne, formaggi, frutta, verdura, olio, pane, prive di indicazioni relative alla tracciabilità e alla provenienza dei prodotti, conservate in ambienti e condizioni inadeguati. In alcuni casi  gli alimenti erano addirittura scaduti.

“Cibi scaduti, gravi carenze igieniche, perfino topi e parassiti vari: un film dell’orrore- Come madre e come ministro mi indigna pensare che sulle tavole dei nostri figli, a scuola, possano finire escrementi, muffe o alimenti di dubbia origine. Oggi chi lavora nel settore delle mense sa benissimo che vi sono regole chiare da seguire e tutti i mezzi possibili per garantire tracciabilità, igiene e correttezza di conservazione degli alimenti. Per questo non possiamo permettere il menefreghismo di chi stipula contratti ben precisi e poi fa il furbo o peggio. A maggior ragione quando è in gioco la salute dei più piccoli e vulnerabili: i bambini" ha detto il ministro della Salute, Giulia Grillo commentando i risultati delle indagini dei carabinieri dei Nas.

Durante i sopralluoghi, essi hanno inoltre raccolto informazioni sulla tipologia dei menù in relazione alle esigenze nutrizionali in caso di intolleranze alimentari degli studenti.

"La tutela della salute a favore delle fasce più deboli e sensibili della popolazione è da sempre un obiettivo prioritario nelle attività istituzionali svolte dai Carabinieri dei NAS, assumendo particolare valore sociale soprattutto per i bambini e gli adolescenti" aggiunge il Ministero.

Purtroppo la cronaca spesso ha raccontato numerosi casi di bambini intossicati a scuola. A ottobre, a Roma, i Nas hanno disposto la chiusura delle attività didattiche di un istituto dopo aver trovato animali infestanti ed escrementi di roditori "con interessamento anche delle aree dedicata alla somministrazione dei pasti".

A Livorno, a novembre, è stato segnalato all’Autorità amministrativa il dirigente di una cooperativa che gestiva un centro cottura per la preparazione dei pasti delle scuole di un Comune livornese per "aver mantenuto i locali dell’attività in pessime condizioni igienico-strutturali".

Scene raccapriccianti che mai vorremmo vedere nelle mense in cui ogni giorno i nostri figli consumano i pasti.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto cover

arona tgi

SEAT

Nuova SEAT Arona TGI a metano: prezzi, modelli e caratteristiche

whatsapp

WhatsApp

greenMe è su WhatsApp! News sul tuo cellulare ogni giorno

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
oli essenziali
ricette
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi pagamento
whatsapp gratis
seguici su instagram