Il cacao è anche una preziosa fonte di vitamina D, la nuova scoperta

Cacao vitamina D

Il cioccolato contiene anche la vitamina D2. La nuova scoperta che farà contenti i più golosi

Fare incetta di vitamina D come e quando si può rimane uno dei punti fermi per essere in forma e in salute. Una sua carenza potrebbe portare ad ossa fragili e a un aumentato rischio di malattie respiratorie, ma come integrarla nella nostra dieta? Anche con il cioccolato!

È la risposta che arriva da un gruppo di ricerca dell’Università Martin Luther Halle-Wittenberg e del Max Rubner-Institut, che hanno identificato nel cacao una nuova fonte di vitamina D2 finora sconosciuta. Il cioccolato e gli alimenti contenenti cacao, infatti, avrebbero una quantità significativa di questo importante nutriente.

E secondo i ricercatori la più alta quantità di vitamina D2 sono il burro di cacao e, manco a dirlo, il cioccolato fondente.

Oltre al suo ruolo fondamentale nel metabolismo osseo, è accertato che la vitamina D sia coinvolta anche in altri processi, come la modulazione della crescita cellulare, le funzioni neuromuscolari e immunitarie e la riduzione delle infiammazioni. Va da sé, quindi, che la carenza di vitamina D, oltre ai disturbi alle ossa, possa collegarsi anche a una serie di altre patologie, comprese condizioni metaboliche, cardiovascolari, autoimmuni e tumori.

In natura, ci sono due tipologie di vitamina D: il calciferolo (vitamina D3), tipico dei mammiferi, e l’ergocalciferolo, che si forma in seguito all’esposizione alla luce ultravioletta dell’ergosterolo (vitamina D2). L’attivazione di queste sostanze biologiche avviene direttamente nel fegato e nei reni. Nel caso specifico, i ricercatori hanno analizzato il contenuto di vitamina D del cacao e dei prodotti contenenti cacao perché sospettavano che contenessero una fonte di vitamina precedentemente sconosciuta. I semi di cacao vengono essiccati dopo la fermentazione. Sono posti su stuoie e esposti al sole per una o due settimane. I precursori della vitamina D vengono così trasformati dalla luce solare in vitamina D2. Per testare la loro teoria, il gruppo di ricerca ha analizzato vari prodotti e polveri di cacao utilizzando la spettrometria di massa.

Quello che hanno scoperto è che i prodotti contenenti cacao sono una fonte di vitamina D2, ma la quantità varia notevolmente da tipo a tipo. Mentre il cioccolato fondente ha un contenuto di vitamina D2 relativamente alto, i ricercatori ne hanno trovato pochissimo nel cioccolato bianco.

Tuttavia, le scoperte dei nutrizionisti non suggeriscono di consumare grandi quantità di cioccolato: “Si dovrebbero mangiare enormi quantità di cioccolato per coprire i fabbisogni di vitamina D. Questo sarebbe estremamente malsano a causa dell’alto contenuto di zuccheri e grassi”, spiega il professore Gabriele Stangl.

Cioccolato sì, ma con moderazione, insomma. E ci sono altri modi per integrare la vitamina D, a partire proprio dall'esposizione al sole.

Leggi anche

Germana Carillo

arona tgi

SEAT

Nuova SEAT Arona TGI a metano: prezzi, modelli e caratteristiche

whatsapp

WhatsApp

greenMe è su WhatsApp! News sul tuo cellulare ogni giorno

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
oli essenziali
ricette
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi pagamento
whatsapp gratis
seguici su instagram