riso CO2

L'aumento dell'anidride carbonica nell'atmosfera ridurrà il valore nutrizionale del riso. Oltre ai danni più noti legati all'inquinamento atmosferico, la CO2 danneggia anche ciò che mangiamo.

Lo ha confermato un team di ricerca dell'Università di Tokyo che ha esaminato una serie di campioni. Secondo quanto emerso dalle analisi, ferro, zinco, proteine e vitamine B1, B2, B5 e B9 saranno presenti in livelli ridotti nel riso coltivato in zone e periodi caratterizzati da concentrazioni più elevate di anidride carbonica. È quanto accadrà nella seconda metà di questo secolo, quando la CO2 stimata sarà da 568 a 590 parti per milione.

“Il riso non è solo una fonte importante di calorie, ma anche di proteine e vitamine per molte persone nei paesi in via di sviluppo e per le comunità più povere dei paesi sviluppati”, ha affermato il professor Kazuhiko Kobayashi dell'Università di Tokyo, coautore del recente studio.

Le persone che vivono nei paesi con il più alto consumo di riso e il più basso prodotto interno lordo potranno andare incontro alla malnutrizione se il valore nutrizionale di alimenti di base a basso costo diminuirà.

Per lo studio, 18 varietà di riso sono state coltivate in siti di ricerca in Cina e Giappone all'aperto. Nei campi, sopra le piante, i ricercatori hanno costruito degli ottagoni di plastica di 17 metri di larghezza e alti circa 30 centimetri. L'aria con concentrazioni più elevate di anidride carbonica, pari a quella che respireremo nella seconda metà di questo secolo (da 568 a 590 parti per milione), è stata soffiata attraverso dei tubi di plastica sulle piante. Una rete di sensori e monitor ha poi misurato la velocità e la direzione del vento per determinare la quantità di anidride carbonica rilasciata. Si tratta di una tecnica nota come Free-Air Carbon dioxide Enrichment (FACE).

“Questa tecnica ci consente di testare gli effetti delle maggiori concentrazioni di anidride carbonica sulle piante che crescono nelle stesse condizioni in cui gli agricoltori le coltiveranno davvero decenni più tardi,” ha detto Kobayashi.

Dopo il trattamento, i ricercatori hanno analizzato le 18 diverse varietà di riso esaminando i livelli di proteine, ferro e zinco, 9 varietà coltivate in Cina sono state utilizzate per le analisi di vitamina B1, B2, B5 e B9. È stata osservata una significativa riduzione (in media del -10,3%) delle proteine per tutte le cultivar di riso. Sono state evidenziate anche significative riduzioni di ferro (Fe) e zinco (Zn) (-8,0 e -5,1%).

Per quanto riguarda il complesso vitaminico B, sono state osservate riduzioni significative delle vitamine B1 (tiamina), B2 (riboflavina), B5 (acido pantotenico) e B9 (folato) in risposta ai livelli di CO2 previsti con cali medi tra le cultivar di -17,1, -16,6 , -12,7 e -30,3%. L'unico aumento è stato registrato per la vitamina E.

Circa 600 milioni di persone, principalmente in Bangladesh, Cambogia, Indonesia, Repubblica Democratica Popolare del Laos, Myanmar, Vietnam e Madagascar, ricavano almeno il 50% dell'energia quotidiana e le proteine direttamente dal riso.

Le varietà di riso scelte riflettono un'ampia gamma genotipica e fenologica, suggerendo che il calo dei parametri nutrizionali osservato è rappresentativo del riso in toto. Per fortuna, non tutte le varietà hanno risposto allo stesso modo, quindi i progetti di ricerca futuri potrebbero concentrarsi sullo studio di tipologie di riso che possano mantenere intatti i loro nutrienti nonostante l'inquinamento.

Ridurre la CO2 dovrebbe in realtà essere la soluzione ma a questi ritmi difficilmente riusciremo a liberare la nostra aria e i nostri piatti dai veleni che continuiamo a riversare.

Lo studio è stato pubblicato su Science Advances.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

geronimo stilton

G.Stilton testimonial per Conad

Il popolare topo è testimonial del concorso di scrittura sull'ambiente organizzato da Conad con il WWF. Scopri perché

Orticolario 2018

Fiera Orticolario 2018

Dal 5 al 7 ottobre a Villa Erba (lago di Como) apre la fiera per un giardinaggio evoluto. Tutti gli eventi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram