Verdure foglie verdi

Mangiare una grande quantità di verdure a foglia verde ogni giorno potrebbe scongiurare la demenza in età avanzata, rallentando l'invecchiamento cerebrale di 11 anni.

Se è vero come è vero che le verdure a foglia verde sono tra gli alimenti più sani, da mangiare - seguendone la stagionalità - per lo più crudi o cotti al vapore, ora una ricerca della Rush University Medical Center di Chicago e pubblicata sulla rivista Neurology afferma che, mentre le capacità cognitive diminuiscono naturalmente con l’avanzare dell’età, mangiare una porzione di verdure a foglia verde al giorno può aiutare a preservare la memoria e le capacità di pensiero e a scongiurare il rischio di demenza senile.

Via libera, quindi, a spinaci e bietole, perfetti anche come fonti di fibre, minerali e vitamine, ma anche al crescione e alla lattuga, alla bardana, alla rucola, alla cicoria…

Aggiungere una porzione giornaliera di verdure a foglia verde alla dieta può essere un modo semplice per promuovere la salute del cervello”, spiega l’autrice dello studio Martha Clare Morris, epidemiologa nutrizionale alla Rush.

I risultati dello studio suggeriscono che le persone che consumavano verdure a foglia verde avevano un tasso di declino più lento nei test di memoria e capacità di pensiero rispetto alle persone che le mangiavano raramente o mai. I risultati dello studio suggeriscono anche che gli adulti più anziani che hanno mangiato almeno una porzione di verdure a foglia verde dimostravano di essere di circa 11 anni più giovani di quelli che non mangiavano mai o raramente le verdure.

L’indagine

Lo studio ha arruolato volontari già partecipanti al progetto Rush Memory and Inving, in corso nel 1997 tra i residenti delle comunità di pensionati di Chicago e i complessi residenziali pubblici. È stato aggiunto un “questionario sulla frequenza degli alimenti” dal 2004 al febbraio 2013, che hanno completato 1.068 partecipanti. Di questi, 960 hanno anche ricevuto almeno due valutazioni cognitive per l’analisi del cambiamento cognitivo.

Queste 960 persone all’inizio dello studio avevano un’età media di 81 anni e non avevano segni di demenza. Gli studiosi hanno così testato il loro pensiero e le abilità di memoria ogni anno e sono stati seguiti per una media di 4,7 anni. I partecipanti hanno anche completato questionari sulla frequenza del cibo, che ha valutato la frequenza e il numero di porzioni di spinaci; cavolo/cavoli/cavoli verdi o una porzione di insalata/lattuga.

Lo studio ha suddiviso i partecipanti in cinque gruppi in base alla frequenza con cui hanno mangiato verdure a foglia verde e poi hanno confrontato le valutazioni cognitive di coloro che mangiavano di più (una media di circa 1,3 porzioni al giorno) e quelli che mangiavano di meno (0,1 porzioni al giorno ).

Dopo diversi anni di follow-up, il tasso di declino per coloro che mangiavano verdure a foglie verdi era più lento di 0,05 rispetto al tasso per coloro che non ne mangiavano. Questa differenza equivaleva a circa 11 anni.

I ricercatori affermano che per adesso sono necessarie ulteriori ricerche anche su popolazioni più giovani per confermare questi risultati, che in ogni caso hanno tenuto conto anche di altri fattori come consumo di pesce e alcol, fumo, eventuali ipertensione e obesità, livello di istruzione e quantità di attività fisiche e cognitive.

Leggi anche:
Alzheimer: ecco la dieta per prevenirlo, ma attenzione al rame
Superfood: la lista delle 41 verdure più nutrienti e salutari
10 cibi alcalini da mangiare ogni giorno

Si conferma, in ogni caso, la tesi per cui mangiare sano e seguire un’alimentazione equilibrata non è altro che un toccasana per corpo e mente!

Germana Carillo

 

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram