pepe-nero

Tutti noi abbiamo in casa il pepe nero che utilizziamo per dare quel tocco di sapore in più ai nostri piatti preferiti. Non sempre conosciamo però le proprietà di questa spezia e cosa accade al corpo assumendola ogni giorno.

Dai frutti della pianta Piper nigrum, sbollentati e poi fatti essiccare al sole per diversi giorni, si ricavano i grani di pepe nero che tutti conosciamo e utilizziamo. Le virtù di questa spezia sono dovute alla presenza di piperina, principio attivo benefico per la nostra salute che, tra le altre cose, aumenta l'assorbimento di alcune sostanze all’interno del corpo.

Fin dall’antichità il pepe nero è stato utilizzato non solo in cucina ma anche all’interno di ricette di medicina popolare con scopi curativi. Ma quali sono i reali benefici di un’assunzione quotidiana di pepe nero?

Cosa accade al corpo ogni volta che assumiamo pepe nero

Sono diversi i cambiamenti che potremmo notare sul nostro organismo se assumiamo quotidianamente del pepe nero, ovviamente nella giusta dose e senza esagerare per non incorrere in possibili effetti collaterale. Ecco i principali benefici, sostenuti anche da alcune ricerche scientifiche:

  • Digestione migliore: il pepe ha uno spiccato potere digestivo, ciò è dovuto all’azione della piperina che stimola i succhi gastrici. Non solo spolverato sui cibi ma anche assunto sotto forma di tisana può esplicare al meglio questa sua proprietà.
  • Brucia grassi: il pepe è una spezia molto utile a chi sta a dieta in quanto è stato dimostrato che migliora il metabolismo e contribuisce allo smaltimento dei grassi che così non si accumulano.
  • Meno gas intestinali: affianco ad una digestione più efficace si può notare anche un miglioramento nel caso di problemi di meteorismo e pancia gonfia. Il pepe nero infatti aiuta a sgonfiare e riassorbire i gas intestinali.
  • Migliore assorbimento dei nutrienti: la piperina migliora l’assorbimento di alcuni nutrienti che si trovano nel cibo. Noto e consigliato l’accostamento con la curcuma della quale il pepe migliora la biodisponibilità. Tutto questo è documentato da uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Breast Cancer Research and Treatment che ha dimostrato anche la sua capacità, sempre associato alla curcuma, di bloccare la crescita delle cellule del cancro al seno. 
  • Allevia il dolore: il pepe nero ha una buona capacità analgesica, si può sperimentare il suo effetto ad esempio in caso di dolori muscolari e articolari.
  • Contrasta i radicali liberi: il pepe è ricco di antiossidanti aiuta quindi le cellule, e di conseguenza tutto l’organismo, a mantenersi giovane.
  • Disinfetta i cibi: viste le sue dote antisettiche, nell’antichità il pepe veniva usato per conservare gli alimenti e renderli più sicuri dal punto di vista igienico. Anche oggi questa spezia può contribuire a contrastare alcuni batteri potenzialmente presenti sui cibi che assumiamo ma anche quelli che si trovano all’interno dell’intestino.
  • Antidepressivo: il pepe è in grado riequilibrare la secrezione di serotonina e dopamina. Per questo si ritiene un buon antidepressivo naturale.
  • Afrodisiaco: un pizzico di pepe può contribuire a rendere più piccante l’atmosfera anche sotto le lenzuola.
  • Meno sale: aggiungere del pepe ai nostri cibi, così come altre spezie, ha il vantaggio di contribuire alla riduzione dell’uso del sale. Bisogna fare attenzione comunque a non esagerare dato che anche il pepe nero contiene sodio.
pepe nero cover

Pepe nero, quanto assumerne ogni giorno?

Il pepe nero a piccole dosi è benefico mentre assunto eccessivamente può diventare irritante per le mucose, soprattutto nei soggetti particolarmente sensibili. Spargere una puntina di pepe ogni giorno sul cibo è sufficiente per ottenere dei benefici.

Il modo migliore per godere delle sue proprietà è quello di utilizzare i grani di pepe freschi da macinare sul momento in modo che mantengano al meglio tutte le loro componenti nutrizionali. E’ importante aggiungerlo ai cibi caldi sempre a fine cottura (le alte temperature rovinano le sue caratteristiche) e non esporlo mai alla luce del sole.

pepe nero macinino

Pepe nero, come inserirlo nella dieta

Il pepe nero si sposa bene con molti cibi e non è difficile inserirlo nella propria dieta a patto che piaccia il suo sapore piccante. Si può aggiungere a piatti a base di carne, pesce, formaggio, verdure ma c’è chi lo sa abbinare con successo anche a frutta secca e cioccolato (pensate ad esempio al panpepato).

Noti anche dei mix di spezie utilizzati in diverse parti del mondo in cui non manca mai la presenza di pepe nero. Ricordiamo ad esempio il curry e il garam masala. Come abbiamo già detto, un pizzico di pepe andrebbe sempre aggiunto alla curcuma in modo da aumentare la biodisponibilità del principio attivo principale della regina delle spezie “la curcumina”.

Sul pepe potrebbe interessarti anche:

pepe curcuma

Controindicazioni del pepe nero

Il pepe nero può essere anche una spezia irritante, per questo va sempre assunto senza esagerare e in alcuni casi specifici è sconsigliato. Se ad esempio si soffre di patologie a carico dello stomaco come gastrite o ulcera o altri problemi dovuti ad ipersensibilità gastrica sarebbe bene proprio evitarlo, salvo diverso parere medico. Sconsigliato anche a chi ha emorroidi o ragadi.

Se si segue una dieta iposodica è bene limitare o evitare il pepe in quanto, pochi lo sanno, questa spezia contiene sodio. Anche agli anziani e ai bambini non è consigliata l’assunzione di pepe.

Attenzione poi alla posibile inalazione, il pepe nero può irritare anche le vie respiratorie e in alcuni casi creare difficoltà nella respirazione e gonfiori.

Francesca Biagioli

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram