dispepsia
Che cos'è la dispepsia, da cosa è causata e quali sono i rimedi naturali per i problemi di digestione

La dispepsia, o più comunemente “cattiva digestione”, è una alterazione delle funzioni digestive a livello dello stomaco. Dolore e bruciore, solitamente dopo i pasti, sono i sintomi tradizionali, ma in genere la dispepsia è un insieme di più sintomi avvertiti soprattutto alla parte superiore dell’addome e da collegare a disordini del tratto prossimale del tubo digerente, in assenza di una malattia specifica. Ma quali sono le cause specifiche di una dispepsia? E ci sono cure naturali?

Secondo alcune stime, a soffrire occasionalmente di dispepsia sono circa il 20% degli italiani (Fonte Inran), ma è utile sapere che si parla di “dispepsia funzionale” solo quando si soffre di un disturbo cronico funzionale del tratto gastroduodenale. I sintomi quindi non devono essere collegati a malattie organiche (in questo caso si parla di dispepsia organica).

Quelli caratteristici sono disturbi che interessano la parte alta dell’addome, tra ombelico e lo sterno, e si ritiene che molte siano cause.

Cos’è la dispepsia

Dal punto di vista gastroenterologo, dispepsia - o “cattiva digestione” – è un’alterazione delle funzioni digestive a livello dello stomaco che si manifesta prevalentemente come dolore, bruciore (pirosi) o fastidio alla zona appena al di sotto delle costole e appena al di sopra dell'ombelico, in genere dopo aver mangiato.

È in buona sostanza quell’insieme di sintomi che manifestano una difficoltà degli organi del sistema digerente a svolgere la loro funzione di scissione e assimilazione del cibo.

Si sa, in effetti, che, tolte allergie o intolleranza, il nostro organismo riesce a digerire qualsiasi cibo commestibile. Quello che non tutti sanno è che la digestione è un processo molto complesso, che richiede molta energia all'organismo, per cui il vincolo delle calorie è fondamentale per garantire una buona digestione degli alimenti.

Per parlare di dispepsia, i sintomi non devono essere collegati a malattie organiche e si collocano nella parte alta dell’addome, cioè tra ombelico e lo sterno.

Dispepsia sintomi

I sintomi tipici della dispepsia si concentrano nella parte superiore dell'addome e generalmente si preannunciano con un dolore abbastanza pungente o bruciante, oppure come un fastidio, localizzato a livello epigastrico. I disturbi si presentano più o meno frequentemente durante o dopo i pasti principali, con una sensazione di gonfiore addominale, di peso, di estrema sazietà anche se si è mangiato in minime quantità. Può capitare anche si avvertire nausea, di vomitare e di avere l’alito cattivo.

In generale, i sintomi di una dispepsia sono:

  • dolore alla parte alta dell'addome
  • bruciori di stomaco
  • eruttazioni spesso accompagnate a rigurgito acido
  • alitosi
  • senso di digestione lunga e laboriosa
  • intolleranza a grassi, fritti, carne e uova
  • flatulenze
  • borborigmi intestinali
  • nausea e conati di vomito

In concomitanza, può capitare che siano anche presenti anche alterazioni dell’alvo intestinale, con conseguenti stitichezza o diarrea. Molti pazienti che soffrono di sindrome del colon irritabile, infatti, avrebbero anche una dispepsia funzionale, non secondaria alla sindrome.

LEGGI anche: BRUCIORE DI STOMACO: 10 CIBI E RIMEDI NATURALI

Si tratta, come vedete, di sintomi aspecifici, cioè che potrebbero essere il segnale di molte altre malattie gastroenterologiche, ma anche di altri organi. Per questo motivo, rivolgetevi sempre al vostro medico che, in caso di dispepsia sospetta, procederà con una esofagogastroduodenoscopia, che permette di individuare o escludere la presenza di malattie organiche alla base della sintomatologia e di determinare il grado di gastrite cronica eventualmente presente e la presenza di infezione da Helicobacter pylori, attraverso l’esecuzione di biopsie della mucosa gastrica. In caso di sintomi che indichino un ritardato svuotamento gastrico (digestione lunga, pesantezza e gonfiore postprandiali), il medico può anche procedere allo studio dello svuotamento gastrico con radioisotopi.

La dispepsia funzionale è in sé benigna e si risolve senza complicazioni. Rivolgetevi comunque al medico e se il disturbo persiste sappiate che potrebbe rappresentare piuttosto il sintomo di altre patologie, come un’ulcera gastrica o duodenale, una gastrite, il reflusso gastro esofageo, una calcolosi biliare o un tumore dello stomaco.

Dispepsia cause

Nella grande maggioranza dei casi la dispepsia è funzionale e quindi da collegarsi a un’eccessiva secrezione dei succhi gastrici oppure a un deficit della motilità dello stomaco, con un ritardo nello svuotamento del contenuto gastrico.

Si tratta di condizioni occasionali, ma se non vengono trattate e se si continua con cattive abitudini alimentari o con un errato stile di vita, potrebbero diventare sostanzialmente croniche. Una dispepsia è senza dubbio favorita dallo stress e dall’abitudine a consumare i pasti in fretta e con una scarsa masticazione.

In linea di massima, le cause di dispepsia sono:

  • consumo troppo veloce dei pasti, i quali spesso sono anche troppo abbondanti e mal masticati
  • consumo di cibi grassi e fritti
  • saltare un pasto e mangiare molto a quello successivo
  • consumo eccessivo di caffè e di alcol
  • poca attività fisica
  • fumo (la nicotina aumenta la produzione di acido nello stomaco e riduce la produzione di prostaglandine, sostanze normalmente protettive dello stomaco)
  • assunzione prolungata di farmaci antinfiammatori come i FANS, che possono provocare la gastrite
  • infezione da Helicobacter pylori

Nel caso di infezione da Helicobacter pylori, però, non si parla più di dispepsia funzionale, ma di dispepsia organica, perché secondaria ad altre malattie, che si ha anche nel caso di ulcere (peptiche o duodenali) e di gastriti. Ma possono determinare dispepsia anche altri disturbi a carico dell’esofago, come il reflusso gastroesofageo, del fegato e delle vie biliari e dell’intestino.
Quando la dispepsia organica, quindi, viene sottovaluta e trascurata può favorire il peggioramento delle malattie che ne sono all’origine.

Sull'argomento e sui problemi del tratto gastoenterinale potrebbero interessarti anche:

 

Dispepsia: cure naturali per la cattiva digestione

Abbiamo detto che di dispepsia funzionale si guarisce e in genere abbastanza rapidamente se si attuano in primo luogo misure fondamentali come:

  • mangiare lentamente
  • masticare a lungo
  • evitare gli eccessi alimentari
  • eliminare cibi fritti e speziati, i cibi grassi e i dolci
  • eliminare alcolici, caffè e bevande
  • evitare gli alimenti molto caldi o troppo freddi

Sarà esclusiva cura del vostro medico farvi ricorrere, se necessario, anche a una cura farmacologica con antiacidi, alginati, inibitori della pompa protonica o procinetici.

Se si presentano in maniera del tutto occasionale, i sintomi possono essere anche curati in questo modo:

  • con formulazioni a base di bicarbonato di sodio e acido citrico, o carbonato di calcio o magnesio
  • masticando semi di cardamomo, zenzero, chiodi di garofano e coriandolo
  • bevendo un bicchiere d’acqua tiepida con sciolto un cucchiaio di limone, un po’ di zenzero e due cucchiaini di miele 
  • bevendo una tazza di te allo zenzero dopo i pasti

Inoltre, possono aiutare la digestione:

  • cannella, che rilassa e attenua la sensazione di gonfiore e i problemi di gas
  • arance, che ha proprietà rilassanti per gli organi del sistema digerente
  • uva, che riduce la sensazione di irritazione
  • garofano, che aumenta l’attività enzimatica nel sistema digerente
  • menta piperita
  • terminalia belerica

Germana Carillo

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
21 giugno 300 x 90
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram