alchechengi
Alchecengi, quali sono le proprietà e i benefici di queste bacche? Come si possono consumare?

Mai sentito parlare dell'Alchechengi? Si tratta di una pianta di origine orientale le cui bacche hanno una forma molto caratteristica oltre ad essere buone e benefiche per la salute. Scopriamone insieme tutte le proprietà e i modi in cui si possono consumare, compresa qualche ricetta.

Forse non associate il nome a questi piccoli frutti, ma sicuramente vi sarà capitato di vedere in giro l'Alchechengi, bacca di color arancione avvolta da un involucro decisamente particolare che la rende simile ad una piccola lanterna.

Alchechengi, origini

L’Alchechengi è il frutto della pianta Physalis alkekengi che appartiene alla famiglia delle Solanacee. Si tratta di piccole bacche che assomigliano un po’ a dei pomodorini raccolte in un involucro costituito da foglie molto sottili che gli danno il caratteristico aspetto di lanterne, vengono chiamate per questo “lanterne cinesi” e le piante si utilizzano anche per abbellire i giardini orientali.

La pianta dell’Alchechengi è originaria dell’Europa e dell’Asia. Il nome che gli è stato attribuito deriva dalla parola araba latinizzata “al-kakang” che vuole dire proprio lanterna cinese.

Queste bacche sono particolarmente diffuse soprattutto in Oriente dove si consumano frequentemente quando di stagione (fruttificano in autunno) e vengono apprezzate non solo per il gusto particolare ma anche per le loro proprietà nutrizionali ed effetti benefici sull'organismo.

alchechengi pianta

Scopriamo adesso tutte le sue fantastiche proprietà

Alchechengi, proprietà

L’Alchechengi è un frutto particolarmente apprezzato dalla Medicina Tradizionale Cinese che lo utilizza ad esempio come rimedio naturale depurativo utile a stimolare la diuresi e quindi perfetto nel trattamento di tutte quelle patologie del corpo in cui è presente ristagno di liquidi. Molto utile anche per le problematiche legate all’eccesso di acido urico dato che le sostanze contenute in queste bacche ne favoriscono l’eliminazione attraverso l’urina. Si utilizza in questo caso non il frutto fresco ma un estratto a base dei suoi principi attivi, più concentrato.

Grazie alla presenza al suo interno di Vitamina C e altri principi attivi che favoriscono il benessere del sistema immunitario, questi frutti sono utili anche per tenere lontani i malanni di stagione oltre che altri tipi di infezioni come le cistiti. Come sappiamo, inoltre, questa vitamina è in grado di aiutare il corpo in caso di raffreddore, influenza, ecc. favorendo una guarigione più rapida. È per questo che l’Alchechengi può essere considerato un po’ come un’aspirina naturale.

Sono inoltre emollienti, leggermente lassativi e ricchi in antiossidanti.

Ricapitolando le proprietà dell’Alchechengi sono:

  • Diuretico
  • Depurativo
  • Favorisce l’eliminazione di acido urico
  • Aiuta il sistema immunitario
  • Aiuta la guarigione in caso di raffreddore, influenza, cistite
  • Emolliente
  • Leggermente lassativo
  • Antiossidante

Alchechengi, benefici

In base alle diverse proprietà di cui dispone, l’Alchechengi può essere un buon rimedio naturale in caso di ritenzione idrica ma può aiutare anche a tenere lontani problemi di calcoli, cistite, gotta e infezioni di tipo virale.

Nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata si possono consumare Alchechengi per rafforzare il sistema immunitario e depurare il fegato.

Ricapitolando i benefici dell’Alchechengi si evidenziano in caso di:

alchechengi

Alchechengi, valori nutrizionali e calorie

I valori nutrizionali dell’Alchechengi sono molto interessanti. Da notare soprattutto la presenza di vitamina C che risulta essere molto più alta di quella di tanti altri frutti (ad esempio del limone). 

100 grammi di Alchechengi contengono:

  • Acqua 85,4 g
  • Carboidrati 14 g
  • Proteine 2,38 g
  • Grassi 0,97 g
  • Vitamina C 11 mg

100 grammi di Alchechengi apportano circa 53 kcal al nostro organismo.

Come si mangia l’Alchechengi

L’Alchechengi si può mangiare così com’è, l’importante è togliere l’involucro in cui si trovano le bacche. Le foglie che lo rivestono infatti non sono commestibili visto che contengono alte dosi di solanina, sostanza tossica.

Le bacche sono gialle-arancioni, assomigliano a dei piccoli pomodorini, non contengono molto succo e hanno un sapore un po’ acidulo che ricorda un po’ quello del pomodoro e del lampone ma anche degli agrumi. Prima di consumare le bacche lavatele molto bene in particolare nella parte in alto, quella che era attaccata alla pianta, dove si potrebbe essere raccolta una sostanza resinosa.

Alchechengi, come sceglierlo e conservarlo

Se volete mangiare i frutti freschi di Alchechengi, assicuratevi che siano di un bel colore arancione e sodi. Non devono avere ammaccature o il calice essere avvizzito. Se ben maturo il frutto si può conservare in frigo per circa 2 giorni, l’alternativa è congelarlo eliminando prima i calici.
Se invece le bacche devono ancora arrivare a completa maturazione potete lasciarle a temperatura ambiente fino a quando non diventano di un bel colore arancione.

alchechengi1

Alchechengi, dove trovarlo

Potrebbe non essere semplicissimo trovare le bacche fresche di Alchechengi, difficilmente i supermercati le hanno nel reparto orto-fruttifero. Più semplice invece trovarle nei mercati rionali o nei negozi specializzati in frutta esotica o orientale.  Per quanto riguarda le bacche essiccate potete acquistarle in erboristeria o negli shop online.

Alchechengi, ricette

Il modo più semplice di mangiare Alchechengi è consumare le sue bacche così come sono tagliate a pezzi e magari aggiunte ad una macedonia di frutta, o ricoperte di cioccolata.

Visto il suo sapore molto particolare, potrebbe non essere semplice utilizzare l’Alchechengi in cucina. È possibile utilizzare sia le bacche fresche che quelle secche o in polvere per realizzare infusi o aromatizzare dolci.

Vi consigliamo adesso alcune semplici ricette che potete sperimentare.

Infuso di Alchechengi

Questa più che una ricetta è un vero e proprio rimedio naturale, utile soprattutto per sfruttare le potenzialità diuretiche di queste bacche. Si può preparare con le bacche secche (ne occorrono circa 60 grammi per ogni litro d’acqua). Dopo aver fatto bollire l’acqua lasciate in infusione le bacche per circa 10 minuti e bevete nel corso della giornata 2/3 tazze.

Confettura di Alchechengi

L’Alchechengi si presta bene a realizzare un confettura che si può poi spalmare sul pane a colazione o merenda ma che si può anche utilizzare per farcire crostate e torte. Qui trovate la ricetta per realizzarla. 

Alchechengi al cioccolato fondente

Come abbiamo già detto gli Alchechengi si sposano molto bene con il cioccolato fondente. Ecco allora una ricetta per ricoprile e farle diventare uno gustoso snack, potete seguirla passo passo leggendo qui. 

Risotto all’alchechengio

Non solo ricette dolci. Con queste bacche si può realizzare senza molta fatica anche un originale e particolarissimo risotto. Potete leggere una ricetta qui

Per conoscere meglio altre bacche ricche di proprietà leggi anche:

Alchechengi, controindicazioni

A meno che non si abbiano specifiche intolleranze o allergie alle solanacee, il consumo di alchechengi non presenta grosse controindicazioni. Se si assume a scopo curativo e non se ne fa un consumo alimentare saltuario è bene chiedere consiglio al medico se si fa contemporaneamente uso di farmaci (soprattutto diuretici). Ricordiamo che le foglie che circondano le bacche non vanno mai assunte in quanto tossiche possono provocare infatti nausea, vomito, diarrea, mal di testa e altri fastidiosi sintomi.

Francesca Biagioli

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram