Taurina

La taurina è un derivato della cisteina ed è un aminoacido “condizionatamente essenziale”, che cioè deve essere assunto tramite la dieta in alcuni periodi della vita oppure a causa di determinate patologie. La taurina, infatti, non può essere definita aminoacido in senso stretto perché non ha il gruppo carbossilico ma quello gruppo sulfonico. Ma cos'è nello specifico la taurina? E a cosa serve? Ha particolari effetti collaterali?

Estratta per la prima volta all’inizio dell’800 da due scienziati tedeschi che la isolarono dalla bile di un toro, “Taurina” è il nome comune con cui viene indicato l’acido 2-amminoetanosolfonico.

LEGGI ancheOMOCISTEINA ALTA: CAUSE, RISCHI E ALIMENTI CONSIGLIATI PER ABBASSARLA

Cos’è la taurina

Dal punto di vista biologico, la taurina si differenza dai venti alfa aminoacidi che formano le proteine per la presenza di acido sulfonico al posto del gruppo carbossilico.

Generalmente aggiunta in molti integratori e bevande energizzanti, la taurina ha un ruolo fondamentale nella sintesi degli acidi biliari che, prodotti nel fegato ed incorporati nella bile, derivano dal colesterolo e ne facilitano l'eliminazione. In buona sostanza, gli acidi biliari sono delle sostanze detergenti (che vuol dire che sono in grado di disperdere in soluzione acquosa i lipidi insolubili in acqua) che vengono prodotte con la demolizione delle molecole di colesterolo da parte del fegato. Insieme allo zinco, la taurina è importante anche per la salute degli occhi.

LEGGI ancheCOLESTEROLO: 10 CIBI PER RIDURLO E TENERLO A BADA

A cosa serve la taurina

Compito principale della taurina è quindi quello di intervenire nella formazione della bile. Si tratta in questo caso di una reazione che prevede la coniugazione della taurina con gli acidi biliari colico e chenodesossicolico per creare i corrispondenti sali biliari e facilitare così la digestione e l’assorbimento dei grassi e delle vitamine liposolubili.

Altre proprietà della taurina sono:

LEGGI anche:  ENERGIZZANTI NATURALI: 10 CIBI CONTRO L'AFFATICAMENTO

Altre possibili applicazioni della taurina in campo medico sono:

Dove si trova la taurina

Nel nostro organismo, si trova nel tessuto nervoso, nei globuli bianchi, nel cuore e nei muscoli scheletrici. Negli adulti, la taurina si forma nel fegato a partire dagli aminoacidi cisteina e metionina in presenza di sufficienti quantità di vitamina B6. Nei neonati viene assunta solo con latte materno.

La taurina rientra tra quegli aminoacidi che vengono sintetizzati dal nostro organismo e che non è necessario assumere con la dieta. Di contro, per coprirne il fabbisogno giornaliero, si dovrebbe integrare con la taurina presente negli alimenti o negli integratori.

Taurina negli alimenti di origine animale

La taurina si trova per lo più in:

  • uova
  • carne
  • pesce
  • latte

Taurina negli alimenti di origine vegetale

I vegetali sono quasi completamente privi di taurina. Fanno eccezione i fichi d’India.

Nei legumi possiamo trovare però cisteina e metionina, aminoacidi – come abbiamo visto – precursori.

LEGGI ancheI 5 LEGUMI PIÙ SALUTARI DEL PIANETA

Dosi e somministrazione di taurina

Non assumete mai integratori alimentari senza il parere del vostro medico.

Uno stile di vita regolare e un regime alimentare vario ed equilibrato, in genere, già assicurano tutto ciò di cui il nostro organismo ha bisogno. Ci possono essere, tuttavia, dei casi in cui potrebbe essere utile una integrazione per favorire alcune funzioni metaboliche.

La taurina, per esempio, è tra le molecole scelta da chi fa attività sportiva, soprattutto agonistica, associata a sali minerali e a vitamine.

Il dosaggio standard di taurina va dai 2 agli 8 grammi al giorno, da assumere in un’unica soluzione oppure suddiviso in tre somministrazioni. L’assunzione è sempre per via orale e deve essere accompagnata da tanta acqua. Chiedete comunque sempre il parere del vostro medico.

LEGGI anche 10 INTEGRATORI ALIMENTARI DI CUI POTRESTE AVER BISOGNO

integratori compresse

In generale, gli integratori si dividono in:

  • puri, commercializzati soprattutto in polvere, che di solito vengono prescritti a soggetti con particolari carenze
  • misti, più diffusi in commercio, che si trovano sotto forma di compresse, polvere, bustine e in genere contengono anche carboidrati, altri aminoacidi, vitamine e minerali, ma anche – in alcuni – guaranà e caffeina (come anche molte bevande energizzanti).

Gli effetti collaterali della taurina

Poco si sa sulle eventuali controindicazioni dell’assunzione di taurina.

Tuttavia, gli effetti collaterali più comunemente riscontrati sono:

Il caso degli energy drink

Nelle bevande energetiche sono contenuti circa 400 mg di taurina per lattina. Ma non finisce qui: una bibita simile racchiude un insieme di sostanze stimolanti, come caffeina e creatina ed elevatissime quantità di zucchero.

Da un’infografica diffusa qualche tempo fa, si evince come gli energy drink portino a:

Energy drink

Non solo, ma si rischierebbe anche un certo tipo di assuefazione: con il passare del tempo, infatti, diverrebbe necessario ingerire quantità sempre maggiori di questo tipo di bevande e si viene a creare così una sorta di dipendenza.

LEGGI ancheGLI ENERGY DRINK SONO DANNOSI PER LA SALUTE DEI BAMBINI

Se proprio dovessimo sentire il bisogno di un pizzico di energia in più? Potreste provare a realizzare in casa degli energy drink a base di frutta e verdura, assolutamente privi di effetti collaterali.

Germana Carillo

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram