carne salumi asma

Carni lavorate, salumi e insaccati di nuovo nel mirino. Non solo l’Oms le considera cancerogene, ora chi soffre d’asma deve stare attento al loro consumo, secondo gli esperti, perché fanno peggiorare il problema.

Quattro o più porzioni settimanali di carni lavorate, salumi e insaccati sono state collegate a un peggioramento dei sintomi dell’asma. Ecco il nuovo avvertimento dei medici legato alla salute e all’alimentazione con particolare riferimento a chi soffre d’asma.

Il nuovo studio arriva dalla Francia ed è stato pubblicato sulla rivista scientifica Thorax. Secondo gli esperti che hanno condotto lo studio, l’assunzione di cane lavorata, salumi e insaccati fa peggiorare i sintomi dell’asma. Dunque chi soffre d’asma dovrebbe fare attenzione soprattutto a non esagerare con salame, prosciutto e pancetta.

Leggi anche: SALUMI E CARNE LAVORATA ACCORCIANO LA VITA

Se si superano le quattro porzioni alla settimana di carni lavorate e insaccati, i sintomi degli attacchi d’asma possono aggravarsi.

Significa che chi soffre d’asma e desidera sentirsi meglio può intervenire modificando la propria alimentazione a partire dalla riduzione del consumo di carni lavorate, salumi e insaccati.

Leggi anche: LA CARNE PROVOCA IL CANCRO? IL DOCUMENTO CHOC DELL’OMS

Secondo gli esperti le carne lavorate sono ricche di nitriti e sono proprio queste sostanze ad aggravare il problema dell’asma perché andrebbero a promuovere l’infiammazione delle vie aeree, cioè le parti del corpo più coinvolte in un attacco d’asma.

I ricercatori hanno valutato i dati dello studio francese EGEA sui pazienti che soffrono di asma. Si tratta di uno studio durato più di 20 anni che ha coinvolto oltre 2000 pazienti con asma. Per la nuova ricerca gli esperti hanno preso in considerazione i dati di 971 adulti, uomini e donne.

Leggi anche:  PROSCIUTTO DI PARMA: TUTTO L’ORRORE DEGLI ALLEVAMENTI DI MAIALI IN ITALIA (FOTO E VIDEO)

Le persone con un’alta assunzione di insaccati e salumi – superiore cioè alle quattro porzioni alla settimana – secondo gli esperti vanno incontro a sintomi di asma più forti, con mancanza del respiro e senso di costrizione toracica. Invece chi mangia meno carni lavorate va incontro a sintomi di asma più lievi, sempre secondo il parere degli esperti.

Modificare in meglio la propria alimentazione riducendo il consumo di salumi e insaccati può diventare un toccasana per la salute per tutti, non solo per chi soffre d’asma. Secondo il Codice europeo dedicato alle malattie oncologiche, i malati di tumore, ad esempio, devono evitare del tutto le carni lavorate e limitare le carni rosse.

Marta Albè

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog