Agrumi, fonte di vitamina C e flavonoidi: come evitare le carenze (e lo scorbuto)

agrumi flavonoidi vitamina c

Sappiamo bene che gli agrumi sono una fonte importante di vitamina C ma non si tratta del loro unico pregio. Infatti gli agrumi sono anche ricchi di flavonoidi, delle sostanze che favoriscono il corretto funzionamento del nostro organismo e che di proteggono dall’invecchiamento precoce.

I flavonoidi proteggono il cuore e il cervello, favoriscono la circolazione, hanno proprietà analgesiche e antinfiammatorie.

Troviamo i flavonoidi nelle arance, nei limoni, nei mandarini e nei pompelmi. Questi agrumi sono anche fonti importanti di vitamina C. Dobbiamo ricordare che la vitamina C non è però presente soltanto negli agrumi, così come sono numerosi i cibi che contengono flavonoidi.

Fonti di flavonoidi e polifenoli

I flavonoidi lavorano in sinergia con la vitamina C per incrementare gli effetti positivi degli agrumi e della frutta che li contengono. Flavonoidi e polifenoli sono dei potenti antiossidanti che rappresentano un vero e proprio elisir di lunga vita. Tra le fonti di flavonoidi e polifenoli che abbiamo a disposizione, troviamo:

Leggi anche: ANTIOSSIDANTI NATURALI: 10 CIBI CONTRO RADICALI LIBERI E INVECCHIAMENTO

Leggi anche: ANTIOSSIDANTI NATURALI: QUALI SONO, FONTI E BENEFICI SULL'ORGANISMO

Fonti di vitamina C

La vitamina C non è contenuta soltanto negli agrumi, come a volte si crede. Una fonte importante di vitamina C è infatti rappresentata dai kiwi.

  • 100 grammi di kiwi contengono 92,7 mg di vitamina C
  • 100 grammi di arance contengono 53,2 mg di vitamina C
  • 100 grammi di mandarini contengono 26,7 mg di vitamina C

Ecco che per evitare una carenza di vitamina C è bene consumare sia agrumi che kiwi e aggiungere alla dieta altra frutta e verdura fresca ricca di vitamina C, come ribes, peperoni, lamponi, fragole, pomodori, carote, pesche, albicocche, frutti di bosco.

Leggi anche: VITAMINA C CONTRO IL RAFFREDDORE: GLI ALIMENTI CHE NE SONO PIÙ RICCHI

agrumi

Come evitare carenze vitaminiche e scorbuto

Gli esperti a livello internazionale sono preoccupati per la dieta attuale, povera di frutta e verdura fresca e in cui prevalgono i cibi confezionati. Le cattive abitudini potrebbero portare al ritorno dello scorbuto. Per prevenire le carenze vitaminiche bisogna consumare cibi freschi ricchi di vitamina C.

Leggi anche: IL RITORNO DELLO SCORBUTO: TUTTA COLPA DEL CIBO SPAZZATURA

Lo scorbuto si presenta con i seguenti sintomi: gonfiore e sanguinamento delle gengive, sensibilità delle articolazioni e dei muscoli, pelle ruvida, secca e incolore, scarsa capacità di rimarginazione delle ferite.

Una dieta squilibrata basata prevalentemente su cibi confezionati e da fast food è assolutamente sconsigliata per mantenersi in salute e per evitare le carenze di vitamine e flavonoidi. Facciamo dunque il pieno di frutta e verdura fresca e approfittiamo di kiwi e agrumi ancor di più quando sono di stagione.

Marta Albè