falsi miti sul cibo

Caffè e vino dannosi, diete faidate senza glutine, integratori alimentari e molto altro. Sempre più spesso questi alimenti finiscono al centro di dibattiti e di falsi miti, diffondendosi e mettendo a rischio la salute. A sfatare alcuni miti sono stati i medici dell'Aigo, l'Associazione Italiana Gastroenterologi Ospedalieri Italiani, riuniti a Perugia nel corso annuale dell’associazione.

Secondo i medici, infatti, tante sono le false credenze che riguardano ciò che mangiamo e beviamo. Ad esempio, non è vero che vino e caffè fanno male al fegato, così come non è vero che le diete senza glutine fanno bene a tutti, specie se faidate.

Ancora una volta – non ci stancheremo mai di dirlo e lo confermano anche i medici – la dieta mediterranea è la nostra miglior alleata. Per l'Aigo la dieta mediterranea non sbaglia mai ed è l'unico mito inossidabile.

Gioacchino Leandro, presidente d AIGO ha detto: “L’aggiornamento costante è fondamentale come la corretta informazione al paziente. Per questo abbiamo voluto parlare delle false credenze sull’alimentazione. Emerge ancora una volta che la dieta mediterranea, messa oggi in discussione da diete di moda e cibo spazzatura, rimane quella più salutare ed equilibrata”.

Ecco allora i 7 miti da sfatare.

1. Il caffè fa male al fegato

Non è del tutto vero. Ne basta un consumo moderato, pari a 2 tazzine al giorno, per dare addirittura benefici contro la steatosi epatica, una malattia caratterizzata dall'accumulo di grasso nel fegato.

LEGGI anche: CAFFÈ: UN AIUTO CONTRO IL TUMORE?

2. Il the verde è un toccasana

Guai a negare le proprietà antiossidanti del the verde, ma i medici mettono in guardia quando lo si assume come ingrediente all’interno di prodotti e integratori, anche dimagranti, che contengono altre sostanze. Si sono registrati casi di insufficienza epatica determinati da estratti di the verde.

LEGGI anche:

3. Il vino minaccia il fegato

Se consumato con moderazione, il vino ha invece un potere antiossidante sul fegato grazie al resveratrolo, sostanza contenuta nell’uva rossa. Tanti anche gli effetti benefici contro il rischio cardiovascolare.

LEGGI anche: VINO: FA BENE AL CUORE MA SOLO SE ASSOCIATO AD ATTIVITA' FISICA REGOLARE

4. Le erbe fanno bene

Gli estratti di erbe contenuti negli integratori alimentari (ad esempio i “12 erbe”) possono invece aggravare i sintomi della sindrome del colon irritabile. Responsabile degli effetti “irritanti” è l’epigallocatechina-3-gallato (EGCG).

LEGGI anche: 10 PIANTE E ERBE DI BELLEZZA

5. La moda del “senza glutine”

Ormai è diventato di moda seguire diete faidate senza glutine anche senza essere celiaci. Il rischio in questo caso è quello di ridurre il consumo di fibre contenute nei carboidrati, benefiche per la salute dell’intestino, e compensare la mancanza di pasta e pane con i grassi saturi.

LEGGI anche: CELIACHIA: TUTTO QUELLO CHE DOVETE SAPERE

6. Una mela al giorno leva il medico di torno

Quante volte lo abbiamo sentito dire? Invece, mele e pere contengono zuccheri fermentabili che hanno effetti nocivi sulle persone che soffrono della sindrome del colon irritabile. In questi casi è consigliabile un consumo molto ridotto di questi frutti.

LEGGI anche: MELE: TUTTI I BENEFICI E COME USARLE AL MEGLIO

7. Quali succhi di frutta?

Non sono tutti uguali e la differenza la fa il fruttosio, zucchero semplice che, se assunto in quantità abbondanti, può favorire l'aumento dei grassi nel fegato. I succhi di frutta che ne sono ricchi vanno assunti con moderazione. Fa eccezione il succo di arance rosse che ha l’effetto invece di ridurre i grassi nel fegato.

LEGGI anche: TROPPO ZUCCHERO NEI SUCCHI DI FRUTTA PER BAMBINI, MEGLIO FARLI IN CASA

Francesca Mancuso

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp
BIOFACH
immagini per la terra

calendario 2018