yogurt-come-sceglierlo

Yogurt. Molte persone lo consumano a colazione o come spuntino di metà giornata. Ne esistono di molti tipi: magri, alla frutta, da bere, con i cereali da aggiungere al momento, ecc. Ma quali sono i criteri per scegliere uno yogurt di qualità?

Spesso, mangiando un vasetto di yogurt, si è convinti di fare una scelta salutare rispetto ad altri tipi di alimenti e snack ma questo non è sempre vero. Al di là di come la pensiate sull’argomento latte (fa bene? Fa male?) ci sono certamente delle cose a cui fare attenzione per acquistare uno yogurt che sia degno di questo nome. 

Ecco allora i criteri più importanti per sceglierlo al meglio:

1) ZUCCHERO

Di zucchero ne consumiamo già troppo e, come sappiamo, non è buona cosa. Meglio quindi che lo yogurt non contenga zuccheri aggiunti (il latte ne ha già di per sé un suo quantitativo). Attenzione quindi a leggere bene l’etichetta evitando di acquistare prodotti dove nella lista degli ingredienti compare non solo zucchero ma anche fruttosio, sciroppo di glucosio, destrosio, ecc.

Leggi anche: IN ALCUNI YOGURT C’È PIÙ ZUCCHERO CHE NELLE MERENDINE

2) FRUTTA AGGIUNTA

Gli yogurt aromatizzati alla frutta sono preferiti dalla maggior parte delle persone. Il problema è che questi prodotti sono ricchi di zuccheri e aromi e contengono meno fermenti lattici. Inoltre spesso si tratta di "preparazioni alla frutta", in cui del frutto originario vi è in realtà una percentuale molto bassa. Meglio scegliere uno yogurt bianco a cui aggiungere sul momento della frutta fresca di stagione a pezzetti, frutta secca, caffè, miele, cioccolato o altro.

3) INTERO

Molte persone scelgono di consumare yogurt magro per evitare la maggior parte dei grassi contenuti in questo alimento. Il problema è che spesso da una parte si eliminano i grassi ma dall’altra per rendere appetitoso lo yogurt si aggiungono zuccheri, preparazioni alla frutta o altri ingredienti. Meglio quindi scegliere uno yogurt intero e consumarlo magari con moderazione. Una buona alternativa è anche lo yogurt greco che ha il vantaggio di essere quasi privo di lattosio cosa che lo rende più digeribile anche a chi ne è intollerante.

Leggi anche: YOGURT GRECO: PROPRIETÀ, PECULIARITÀ E USI

yogurt greco1

4) BIOLOGICO

Come sempre, ma ancor più quando si tratta di alimenti di origine animale, è bene scegliere prodotti da agricoltura biologica. In questo modo si avrà uno yogurt più puro in cui non sono presenti pesticidi o altre sostanze chimiche utilizzate per l’allevamento del bestiame e la coltivazione del loro mangime. Purtroppo però non sempre biologico è sinonimo di qualità, controllate quindi bene l’etichetta e scegliete uno yogurt bianco naturale, senza zucchero o altre sostanze aggiunte.

5) PROBIOTICI

Uno yogurt che sia fatto con latte di mucca o con altri tipi di “latte” vegetale dovrebbe indicare sull’etichetta la presenza di fermenti lattici vivi e attivi. Controllate quindi che effettivamente siano elencati nella lista degli ingredienti che per la verità, in uno yogurt di buona qualità, dovrebbe limitarsi a due semplici ingredienti: latte intero e fermenti lattici vivi (che siano Lactobacillus bulgaricus, Streptococcus thermophilus o Bifidobacterium bifidum).

La scelta migliore rimane comunque quella di autoprodursi il proprio yogurt partendo da latte biologico e un vasetto di yogurt già pronto oppure fermenti lattici. Sarà senza dubbio un prodotto più fresco e ricco di probiotici. Qui come fare.

Leggi anche: LO YOGURT FATTO IN CASA: BUONO, ECOLOGICO E DIETETICO

Se invece preferite optare per uno yogurt di soia, sperimentate la nostra ricetta per prepararlo in casa.

Francesca Biagioli

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram