Vietato regalare sorprese insieme al junk food: in Cile addio a ovetti Kinder e Happy Meal

legge giocattoli junk food cile

Il Cile vuole vietare che le aziende continuino a regalare giocattoli in abbinamento a cibi poco salutari. Il riferimento è soprattutto a ciò che accade nei fast food, alle uova di cioccolato con sorpresa e ad altri tipi di promozioni dedicati ai bambini, a partire dall’Happy Meal.

Si tratta di una proposta ideata per cercare di arginare il problema dell’obesità infantile. Infatti in Cile 1 bambino su 3 al di sotto dei 6 anni è in sovrappeso e crescendo rischia l’obesità. Il Cile vuole trattare il problema del peso in eccesso non come una questione estetica ma di salute.

L’obesità riguarda i bambini ma anche gli adulti, dato che si stima che in Cile muoia a causa di malattie correlate al peso eccessivo una persona ogni ora. Il Congresso ha dunque proposto una nuova legge che da una parte vieterà di accompagnare le merendine e il cibo spazzatura con regali e giocattoli per bambini e che dall’altra introdurrà etichette più chiare e severe sul contenuto dei prodotti confezionati.

Leggi anche: VIA LA SORPRESA DAGLI HAPPY MEAL: INCENTIVA L'OBESITÀ INFANTILE

In Cile il Ministero della Salute con la legge sulle etichettature dei prodotti alimentari spera di mettere in guardia i consumatori da prodotti troppo calorici e con un contenuto eccessivo di grassi saturi, di sodio e di zuccheri.

La legge cilena stabilisce anche che i prodotti alimentari poco salutari non potranno essere oggetto di pubblicità per i minori di 14 anni e non potranno essere venduti, pubblicizzati e promossi nelle scuole.

Questa nuova legge stabilisce anche che non potranno essere utilizzati ‘ganci commerciali’ come regali, giocattoli e concorsi per promuovere i prodotti e renderli allettanti per i bambini.

etichette alimentari cile 3
 
etichette cile

etichette alimentari cile cover

Ciò potrebbe significare che alcune linee di prodotti come gli Ovetti Kinder e l’Happy Meal in Cile non potranno continuare a regalare giocattoli con il cibo.

Leggi anche: OBESITA' INFANTILE: NEL 2030 SARA' UNA VERA EPIDEMIA. ECCO COSA FARE CON I NOSTRI FIGLI

L’invito principale a tutti i consumatori adulti e ai genitori è di imparare a leggere meglio le etichette per riconoscere i prodotti poco salutari per la propria alimentazione e per quella dei bambini. Infine, alle scuole verrà richiesto di impegnarsi per promuovere un corretto stile alimentare e una maggiore attività fisica per bambini e ragazzi, con l’obiettivo di proteggere la loro salute.

Marta Albè

Fonte foto: Minsal