depressione_frutta_verduraDonne, come difenderci dalla depressione senza ricorrere ai farmaci? Cominciando ad applicare un regime alimentare corretto e una dieta ricca di frutta e verdura, ma a basso contenuto di grassi. A sostenerlo uno studio svolto dall'Università di Melbourne, in Australia. Secondo la ricerca, infatti, a renderci più equilibate e sane basta mangiare sano ed equilibrato.

 

Grazie al consumo di determinate sostanze, infatti, il nostro sistema immunitario è in grado di reagire meglio, difendendoci anche dalle malattie cardiache. Come? Evitando possibili infiammazioni sistematiche dell'organismo, che a lungo andare porterebbero a scompensi psichici.

Ma vediamo cosa dice la ricerca. "Le donne che consumano più frequentemente frutta e verdure, riducendo i grassi al minimo necessario, hanno meno possibilità di contrarre malattie cardiache e di avere problemi depressivi".

Lo studio è stato condotto su un campione di 1046 donne di età compresa tra i 20 e i 93 anni, che per 10 anni sono state sottoposte a questionari su dieta, alimentazione e stile di vita, e ad analisi mediche. Il risultato è stato molto chiaro: "I problemi mentali colpiscono più frequentemente le signore amanti di cibi grassi o troppo raffinati".

Provate ad indovinare quali sono i principali nemici a tavola? Hamburger, pane bianco, pizza, patatine, bevande al latte aromatizzate, birra, zucchero e dolci. Più o meno l'alimentazione di una donna americana. Invece, dallo studio è venuto fuori che le donne che consumavano verdure, frutta, manzo, agnello, pesce e cereali integrali risultavano molto più equilibrate sia nel fisico che nell'umore.

"Le cattive abitudini alimentari indeboliscono il sistema immunitario", questa l'opinione della professoressa Jacka, che ha condotto l'indagine. I suoi strali si scagliano anche contro la dieta mediterranea, verso la quale la ricercatrice si è dimostrata un po' scettica per la troppa quantità di carboidrati e lipidi: "è assai sana: ma bisogna ricordare che quello che non si mangia è altrettanto importante: via zuccheri e grassi, che, tra l'altro, riducono il livello di fondamentali proteine presenti nel cervello".

Forse, però, la prof. Jacka non ha mai assaporato la soddisfazione e il senso di appagamento che derivano da un bel piatto di spaghetti al pomodoro.

Francesca Mancuso


monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram