obesita 30-anni

Essere obesi quando si è giovani, in particolare nella fascia d’età che va dai 30 ai 40 anni, può rivelarsi molto pericoloso per il futuro. A dirlo uno studio che ha messo in correlazione obesità e comparsa di malattie come demenza senile e Alzheimer.

La ricerca, condotta da un team dell’Università di Oxford e pubblicata sul Postgraduate Medical Journal, è giunta a questa conclusione analizzando i dati in possesso degli ospedali inglesi relativi a 450mila pazienti obesi che vi erano transitati tra il 1999 e il 2011.

Dividendo il campione individuato a seconda dell’età e confrontando le varie cartelle mediche con particolare attenzione alle diverse situazioni cliniche dei pazienti, gli scienziati hanno notato che un’obesità comparsa in giovane età (30-40 anni) corrispondeva ad un maggiore rischio di declino cognitivo. Successivamente invece, nei decenni a venire, scendeva di circa il 20% ogni 10 anni.

La spiegazione è semplice: una situazione di obesità prolungata nel tempo porta a degli scompensi fisici molto rilevanti come ipertensione, aterosclerosi e possibile comparsa di diabete. Una volta che le arterie si sono indurite non ossigenano bene il cervello e più facilmente possono comparire demenza e Alzheimer.

La situazione, a detta degli studiosi, si capovolge invece in età avanzata quando, soprattutto nella fascia 70-80 anni, un po’ di grasso in più aiuterebbe invece a tenere lontana la demenza senile, riducendo il rischio del 22%.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

- Obesity Day: come combattere l'obesità ogni giorno

- Obesità: è anche colpa del Bisfenolo A che influisce sul metabolismo

- Demenza: rischio maggiore se si hanno pressione alta e diabete

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram