senza glutine1

Anche le persone che non sono affette da celiachia o intolleranza al glutine tendono sempre più spesso ad avvicinarsi ad una dieta gluten free, ritenuta più leggera, salutare e alcune volte in grado di far perdere qualche chilo di troppo. Quest’ultimo punto però è stato messo in discussione dai nutrizionisti che lo ritengono una falsa credenza.

Secondo gli ultimi dati dell’Associazione Italiana Celiachia circa 600mila famiglie comprano alimenti senza glutine, anche se non ci sono celiaci in casa, con la speranza di dimagrire. Secondo l’Aidepi (Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane) in realtà non ci sono prove scientifiche che dimostrerebbero l’efficacia dei prodotti senza glutine nella perdita di peso. Anzi, già nel 2012, in Inghilterra era nata una polemica perché si era visto come questi prodotti contenessero in realtà più grassi. La normale pasta, sostengono gli esperti, mangiata in giusta misura può essere inserita tranquillamente in una dieta dimagrante.

Questa posizione è appoggiata anche i nutrizionisti, è intervenuto sull’argomento il presidente della Società Italiana di Scienza dell'Alimentazione, Pietro Antonio Migliaccio: “Non ha senso seguire una dieta senza glutine solo per dimagrire. Non ci sono prove scientifiche che dimostrino l’efficacia dietetica di pasta, pane e biscotti per celiaci. Un etto di pane senza glutine, che viene sostituito con carboidrati e grassi, ha le stesse calorie di uno che lo contiene, ma con una composizione in macronutrienti che, non essendo necessaria, potrebbe alterare le risposte metaboliche. Non consiglio mai un regime del genere a chi non soffre di questa patologia ma vuole solo dimagrire”.

Dello stesso parere Andrea Ghiselli del Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura di Roma: “Il glutine è una proteina presente in molti cereali che, come tutte le proteine, ha un forte potere saziante. Per cui, al contrario, può aiutare a perdere peso. Mangiando i prodotti senza glutine non si perde peso, tanto più che il riso, spesso usato dai celiaci invece della pasta, ha un indice glicemico superiore rispetto alla pasta”.

Ma cosa dire invece dei cereali (e non cereali) naturalmente senza glutine come miglio, grano saraceno, quinoa, amaranto? Forse bisognerebbe evitare, se non necessari, i prodotti “forzatamente” senza glutine e variare un po’ utilizzando quelli che invece per natura non contengono questa proteina. Perché se è vero che il glutine non fa ingrassare è comunque una sostanza che il nostro organismo fa fatica a digerire e verso la quale si possono scatenare reazioni senza arrivare per forza alla comparsa della celiachia.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

- Gli alimenti senza glutine contengono il triplo dei grassi

- Intolleranza al glutine: 7 possibili sintomi

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram