Sicurezza alimentare: da IBM il nuovo sistema per prevedere i cibi contaminati

orti in citt

Sicurezza alimentare: come poter individuare i cibi contaminati e prevenire l'insorgere di focolai delle malattie di origine alimentare? Bene sarebbe prediligere il Made in Italy e magari anche evitare le offerte a prezzi stracciati, ma un'idea viene da quei geni di Ibm.

L'azienda a stelle e strisce ha messo a punto un sistema primo nel suo genere, progettato per aiutare i rivenditori e i distributori di prodotti alimentari e i funzionari della salute pubblica a prevedere quali tipi di fonti alimentari possono essere contaminate con maggiore probabilità.

Una autentica previsione che consentirebbe di accelerare le indagini sui focolai di malattia di origine alimentare, ridurre i costi sanitari che ne sono collegati e scongiurare la perdita di ricavi per le aziende alimentari.

Il congegno si basa su nuovi algoritmi, sulla visualizzazione e su alcune tecniche statistiche ed è in grado di utilizzare le informazioni sulla data e ubicazione di miliardi di articoli alimentari venduti nei supermercati ogni settimana, per individuare rapidamente e con elevata probabilità tutti i prodotti potenzialmente "incriminati" all'interno di 10 casi di focolai.

Una bella trovata se si considera che il sistema integra i dati di vendita che sono stati calcolati precedentemente con i dati di salute pubblica geocodificati. In questo modo i ricercatori vedono la distribuzione dei cibi sospetti e, selezionando un'area della mappa, visualizzano i casi clinici e i referti di laboratorio derivati dalle interazioni cliniche. L'algoritmo apprende da ogni nuovo rapporto e referto e calcola nuovamente la possibilità che ogni alimento sia responsabile della malattia.

La ricerca è pubblicata sulla rivista PLOS Computational Biology, insieme ai colleghi della Johns Hopkins University, della Purdue University e dell'Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio (BfR).

Germana Carillo

LEGGI anche:

Il cibo italiano è il meno contaminato del mondo, ma attenzione ai prodotti low cost

mediterranea pelle

Mediterranea

Dimmi quanti anni hai e ti dirò di cosa ha bisogno la tua pelle

ecogreen

Ecogreen

La prima sneaker certificata Ecolabel!

whatsapp gratis
corsi pagamento