spesa aprile

Siamo soliti ascoltare da medici e nutrizionisti che le porzioni giuste di frutta e verdura da consumare nel corso della giornata sono 5. Una nuova ricerca sostiene però che è meglio abbondare e raggiungere 7 o più porzioni di vegetali e frutta per allungare la vita, riducendo il rischio di morte indipendentemente dall’età che si ha.

Lo studio, condotto dai ricercatori dell'University College di Londra, ha utilizzato il National Health Survey, che ogni anno, attraverso questionari e visite mediche, raccoglie i dati che riguardano persone residenti in Inghilterra. Pubblicata sul Journal of Epidemiology e Community Health, la ricerca si è soffermata ad analizzare le abitudini alimentari di oltre 65mila persone tra il 2001 e il 2013 valutando parallelamente i rischi di morte.

Così si è scoperto che chi mangia sette o più porzioni di frutta e verdura ogni giorno riduce del 42% il rischio di morte rispetto a chi ne consuma una sola. Nello specifico il rischio di morire di cancro è del -25% mentre per la malattie cardiache si parla del -31%.

Anche chi mangia meno frutta e verdura può beneficiare degli effetti positivi di questi alimenti sull’aspettativa di vita: rischio morte -14 % per chi consuma 1-3 porzioni di frutta e/o verdura al giorno, -29% per tre o cinque porzioni, -36 % da cinque a sette.

Tra l’altro, inaspettatamente, la ricerca ha mostrato che sarebbero in particolare le verdure ad avere effetti benefici più rilevanti. Si tratta in particolare delle verdure fresche e dell’insalata: con ogni porzione si riduce il rischio di morte del 16% mentre per ogni singola porzione di frutta fresca la riduzione confermata è del 4%.

Naturalmente gli esperti hanno sottolineato che anche altri aspetti dello stile di vita sono fondamentali per aumentare l’aspettativa di vita: ad esempio non fumare o bere eccessivamente e fare attività fisica, fattori di cui è stato tenuto conto nel corso della loro ricerca.

Ma mangiare 7 porzioni o più di frutta e verdura è davvero fattibile per tutti? Ovviamente no, le critiche in Inghilterra si sono basate proprio su questo punto dato che le ultime statistiche dicono che circa 2/3 della popolazione non arriva a mangiare neppure 5 porzioni.

In Italia forse siamo un po’ più abituati a frutta e verdura e il nostro consiglio è quello di incrementare il consumo a piccoli passi scegliendo gli ortaggi e i frutti che si preferiscono in base alla stagionalità. Piano piano diventerà una sana abitudine di cui non potrete più fare a meno!

Francesca Biagioli

Leggi anche:

- L'arcobaleno di frutta e verdura: le proprietà in base al colore

- Ortaggi gia' tagliati e confezionati: 5 motivi per evitarli

- Frutta e verdura di stagione: la spesa di Aprile

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram