cibi velenosi

Alcuni alimenti di consumo piuttosto comune, variabile a seconda delle zone del mondo, contengono, spesso a nostra insaputa, delle sostanze velenose, talvolta così tossiche da poter causare la morte, se assunte in eccesso.

Esistono dunque cibi di cui sarebbe bene evitare il consumo, mentre altri andrebbero limitati, o assunti ricorrendo ad alcune precauzioni. Ve ne indichiamo dieci.

1) Fagioli di Spagna

I fagioli di Spagna, noti Oltreoceano come "lima beans", possono contenere un alto livello di cianuro, presente nella pianta come sostanza difensiva. Negli Stati Uniti vi sono delle restrizioni sui livelli di cianuro contenuto nei fagioli di Spagna coltivati per la vendita. Viene consigliato di cuocere completamente questi legumi, senza coperchio, in modo tale da permettere alla sostanza velenosa di evaporare. Per una maggiore sicurezza, l'acqua di cottura deve essere scolata.

2) Pesce palla

Il pesce palla contiene tetradotossina, una tossina mortale, 1200 volte più velenosa del cianuro. Il veleno contenuto in un pesce palla sarebbe in grado di provocare la morte di 30 persone. Non esistono antidoti. Eppure alcuni decidono di cibarsene. Il consumo di pesce palla è piuttosto comune in Giappone, dove tra il 2000 ed il 2009 si sono verificati 23 decessi su 338 casi di avvelenamento.

3) Semi di ricino

L'olio di ricino era considerato una panacea per tutti i mali in passato, con benefici in seguito comprovati da parte della scienza. L'olio di ricino non rappresenta un pericolo, mentre i suoi semi lo sono. Se masticati, i semi di ricino rilasciano una sostanza molto tossica, uno dei più potenti veleni conosciuti dall'uomo, e possono provocare la morte.

4) Mandorle

Non ci riferiamo alle comuni mandorle dolci, ma alle mandorle amare. Venti mandorle amare possono presentare un contenuto di cianuro tanto elevato da causare la morte di una persona adulta. Per questo motivo il loro impiego risulta fortemente limitato. Come per i semi di albicocca con cui condividono anche le proprietà antitumorali, si consiglia di non superare la dose di 2/3 mandorle giornaliere. L'estratto di mandorle può essere ottenuto da mandorle amara ma, come prodotto alimentare vendibile, risulta innocuo.

5) Manioca

La manioca è anche nota come cassava o yucca. Dalla manioca si ottiene un amido, commercializzato come farina di tapioca. La manioca, come le mandorla amara, contiene cianuro. Deve essere consumata con alcune precauzioni, che ne prevedono l'ammollo e l'essiccazione. In Africa, dove la manioca è diventata un alimento di sussistenza fondamentale, molte persone soffrono di una forma cronica di avvelenamento da cianuro, conosciuta come "konzo".

6) Rabarbaro

Le foglie di rabarbaro contengono acido ossalico, un composto chimico che può essere presente nei prodotti anti-ruggine. Presentano inoltre sostanze che possono provocare una sensazione di bruciore a livello della bocca e della gola, nausea e vomito, dolori gastrici e convulsioni. Il rabarbaro è uno dei vegetali di cui si sconsiglia dunque di consumare le foglie.

7) Pomodori

Le foglie e gli steli dei pomodori, oltre ai frutti stessi, contengono solanina, un alcaloide considerato tossico. Prima del 1820, gli americani credevano che i pomodori fossero velenosi, ma le possibilità di soffrire di sintomi di avvelenamento da solanina per via del consumo di pomodori risultano piuttosto scarse. Nei soggetti più sensibili possono provocare allergie e intolleranze. Si consiglia di non mangiarne in quantità eccessiva quando non ancora maturi e fuori stagione.

8) Funghi

I funghi rappresentano una delle più comuni cause di avvelenamento e di intossicazione da cibo. La famiglia dei funghi comprende esemplari velenosi che vanno ben oltre la ben nota Amanita phalloides. Per questo motivo è bene non improvvisarsi raccoglitori di funghi e rivolgersi ad esperti in caso di dubbio ed alle Asl per un riconoscimento sicuro di quanto raccolto.

LEGGI anche: Consigli utili per la raccolta di erbe spontanee e frutti selvatici

9) Cicerchie

Le cicerchie, legumi coltivati in Asia, Africa ed Europa, contengono, oltre a proteine, una neurotossina sotto forma di amminoacido, conosciuta come ODAP. La sostanza è considerata la causa della malattia detta neurolatirismo, una patologia neurodegenerativa che provoca la paralisi degli arti inferiori del corpo. Al momento si trovano in corso dei programmi per la coltivazione che permettano la produzione di cicerchie con minore contenuto di ODAP.

10) Patate

Le patate, come i pomodori, contengono solanina. La presenza di solanina nelle patate aumenta quando esse germogliano ed, ancora di più, quando la loro buccia diventa verde. Ecco perché si dovrebbe evitare di consumare patate verdi e limitare il consumo di patate germogliate. Per via della presenza di solanina, le patate non possono essere consumate crude. La solanina assunta in eccesso può provocare nausea, vomito e irritazioni della mucosa gastrica.

LEGGI anche: 20 usi alternativi delle patate

Marta Albè

fonte foto: trustedhealthproducts.com

LEGGI anche:

5 ingredienti raffinati di uso comune che ci stanno avvelenando

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram