frutti bosco epatiteA

Torna la paura per l'Epatite A in Italia. La malattia, nel nostro paese, ha dei picchi endemici che si sono ripetuti nel corso degli ultimi 20 anni. E proprio in questi giorni si teme che l'infezione provocata dal virus HAV possa diffondersi. Finora, secondo gli studi effettuati dal Ministero della Salute al momento sul banco degli imputati vi è un campione di frutti di bosco.

"A seguito di consumo di una torta guarnita con frutti di bosco, verificatosi ad aprile 2013, è stato effettuato il campionamento e l’analisi di una confezione ancora integra di frutti di bosco misti congelati, sui qual i è stato riscontrato il virus" si legge nella circolare del Ministero.

Sebbene le indagini per verificare la possibile origine della contaminazione non siano ancora terminate, è già stato attivato il sistema di allerta rapido comunitario RASFF sugli alimenti visto che i frutti di bosco sottoposti ad analisi provenivano da diversi Paesi esteri, come Bulgaria, Polonia e Serbia, e dal Canada.

La vicenda ha avuto inizio lo scorso aprile quando sono stati segnalati tramite il Sistema di Epidemic Intelligence di informazione per le malattie trasmesse da alimenti e acqua (Epis-Fwd) e il Sistema di allerta rapida della Commissione europea (Eers), due cluster internazionali di Epatite A. Il primo nei Paesi nord-europei, probabilmente legato al consumo di frutti di bosco congelati di importazione e il secondo in turisti di rientro dall’Egitto. Inoltre i primi di maggio sono stati inoltre segnalati casi di Epatite A in turisti stranieri che avevano soggiornato in Nord Italia.

Ma spiega Maria Elena Tosti, del reparto Epidemiologia clinica e linee guida del Cnesps-Iss, che l' eccesso di casi di epatite A è stato notato in Italia grazie al sistema di sorveglianza Seieva, a partire dal mese di settembre 2012, col picco nei mesi da gennaio ad aprile 2013. "Dall’analisi dei casi Seieva per regione, l’aumento del numero di nuovi casi è registrato nella maggior parte delle Regioni del centro-nord (in particolare Trento e Bolzano, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Veneto) e in una Regione del sud (Puglia)" dice la dott.ssa Tosti.

Secondo la circolare del Ministero, dai dati è emerso, negli ultimi mesi, un importante incremento, rispetto agli anni precedenti, dei casi di epatite A in Italia: "In particolare, su 16 regioni che hanno trasmesso dati aggiornati al 20 maggio 2013, risulta un incremento delle notifiche di Epatite A pari al 70% nel periodo marzo-maggio2013 rispetto allo stesso periodo del 2012".

Per questo il Ministero ha ritenuto necessario rafforzare la sorveglianza dell’Epatite virale A ed avviare indagini sul territorio nazionale per identificare le possibili fonti.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

- Contaminazioni alimentari: i virus si trasmettono con il coltello

- Fragole e frutti di bosco fanno bene al cuore delle donne

- Frutti di bosco contro l'invecchiamento e per difendere il cuore

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog