Il conflitto russo-ucraino fa “lievitare” il prezzo del grano nell’area Euro: 344 euro a tonnellata

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mais e frumento mai così cari nell'Euro-zona: colpa del conflitto in Ucraina, uno dei maggiori esportatori di questi cereali al mondo

Ecco il carrello smart per la spesa

Le conseguenze economiche del conflitto russo-ucraino appena scoppiato sono pesanti e si stanno già facendo sentire. Il crollo della Borsa di Mosca ha fatto schizzare alle stelle i prezzi di petrolio e alluminio, di cui la Russia è uno dei maggiori produttori ed esportatori al mondo; ma anche i prezzi del gas metano sono lievitati per effetto delle tensioni fra Mosca e Kiev.

Tuttavia, ciò che preoccupa particolarmente i mercati europei (e non solo) è l’aumento del prezzo di un elemento essenziale per il nostro sostentamento: il grano. Mai prima di ora, infatti, i prezzi del cereale in Europa avevano toccato questi record: ben 344 euro a tonnellata, secondo Euronext. Il precedente record, di 313 euro e 50 a tonnellata, si era registrato lo scorso 24 novembre; ad esso aveva poi fatto seguito un leggero abbassamento del prezzo, che era rimasto comunque alto (320 euro a tonnellata).

(Leggi anche: La minaccia di guerra in Ucraina fa volare i prezzi di mais e grano, aumenti anche del 20%)

Preoccupante anche il prezzo del mais, importato dal nostro Paese per l’alimentazione umana e per quella del bestiame: il cereale ha toccato i 304 euro a tonnellata dopo l’annuncio degli scontri in Ucraina. Ricordiamo che l’Ucraina è il quarto esportatore al mondo di grano e di mais, e questo spiega l’aumento dei prezzi di questi cereali che si sta verificando anche oltreoceano, negli Stati Uniti: il prezzo del mais è salito a 718 dollari e 75 centesimi per tonnellata (con un aumento del 5,1%), mentre quello del grano a 926 dollari per tonnellata (+5,7%).

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Euronext

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook