Cocomero: 5 dettagli a cui fare attenzione per scegliere l’anguria perfetta, matura e dolcissima

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ecco cinque elementi a cui fare attenzione quando scegliamo l'anguria al supermercato per essere certi di aver fatto l'acquisto giusto e portare a casa un frutto maturo e dolcissimo

È il frutto simbolo dell’estate: colorato, succoso, dolcissimo e dissetante. Stiamo parlando dell’anguria, che proprio in questi mesi troviamo al mercato o nei supermercati. Si tratta di un frutto che spesso acquistiamo “a scatola chiusa” e che ogni tanto può riservare qualche brutta sorpresa.

Per fortuna, ci sono degli elementi a cui fare attenzione quando si tratta di scegliere l’anguria da acquistare e che possono aiutarci nella scelta del frutto maturo al punto giusto. Vediamoli insieme.

Leggi anche: In origine l’anguria era bianca e aspra. Cosa l’ha resa il frutto preferito dell’estate?

Il punto di appoggio

Facciamo attenzione alla parte del frutto che è rimasta appoggiata al terreno durante la maturazione: questo punto dovrebbe essere di colore beige quando l’anguria è matura al punto giusto. Se notiamo che è invece bianco (o addirittura verdastro) vuol dire che il frutto è stato raccolto troppo presto e che non ha raggiunto il giusto grado di maturazione.

La forma

Anche la forma del frutto può darci indicazioni su quello che sarà il suo sapore. Le angurie più tondeggianti hanno un sapore generalmente più zuccherino, mentre quelle dalla forma allungata e ovale sono caratterizzate da un retrogusto più acidulo.

Il colore

Anche il colorito generale del frutto può aiutarci a scegliere un’anguria dolce e matura e lasciare sullo scaffale una che ha bisogno ancora di qualche giorno. Se il colore della buccia è molto intenso e si avvicina al verde bottiglia, vuol dire che il frutto è maturo e dolce al punto giusto. Al contrario, una buccia di colore chiaro è spia di una polpa ancora acerba.

Le striature

Osservando la superficie dell’anguria, noteremo delle striature: se queste sono fra loro molto ravvicinate, vuol dire che la buccia è sottile e il frutto è pieno d’acqua – meglio evitare di acquistarlo. Al contrario, striature più profonde e marroni indicano che il frutto è maturo e pronto per essere mangiato.

Il viticciolo

Uno stelo arricciato e di colore marrone è sinonimo di maturazione del frutto, che risulterà anche più dolce all’assaggio; al contrario, un viticciolo ben teso e verde indica che il frutto è ancora acerbo.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook