Detersivi: se ci sono questi due ingredienti (non segnalati in etichetta) potrebbero risultare molto pericolosi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sappiamo che dobbiamo leggere con attenzione l’etichetta e la lista degli ingredienti quando acquistiamo un prodotto, alimentare e non, ma cosa fare se le etichette mentono o nascondono la presenza di alcune sostanze pericolose?

Come vi avevamo spiegato in questo articolo, un test condotto su alcuni detersivi commercializzati in Svizzera aveva fatto emergere una verità sconcertante: di 50 prodotti analizzati, ben 18 rappresentavano “un rischio immediato per la salute o per l’ambiente”, e la loro vendita era stata bloccata – almeno sulla carta.

Ciò era dovuto alla presenza di questi due ingredienti utilizzati come tensioattivi:

  • etossilati di octilfenolo e
  • etossilati di nonilfenolo (APEO)

Si tratta di sostanze chimiche che hanno un effetto tossico sugli organismi acquatici poiché influiscono negativamente sul sistema ormonale dei pesci. L’utilizzo di queste sostanze è vietato da una legge del 2008 nelle seguenti categorie di prodotti:

  • Detersivi per tessili
  • Prodotti di pulizia eliminati con le acque di scarico
  • Cosmetici
  • Prodotti per la lavorazione dei tessili, della pelle e dei metalli
  • Sostanze ausiliarie per la produzione di cellulosa e carta
  • Grasso da mungitura contenente queste sostanze come emulsionanti
  • Biocidi e prodotti fitosanitari contenenti tali sostanze come sostanze ausiliarie per la loro formulazione

Purtroppo però, nonostante il divieto ufficiale e i risultati del test, nulla è stato fatto nel concreto per richiamare i prodotti incriminati e ritirarli dal mercato. Ciò vuol dire che questi detersivi sono ancora disponibili alla vendita al dettaglio, e che molti consumatori continuano ad utilizzarli senza conoscere i rischi che corrono.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: K-Tipp / Bafu

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook