La Colomba di Cannavacciuolo è vegana, cosa c’è davvero dentro?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per la Pasqua 2022, Antonino Cannavacciuolo, uno degli chef più amati d'Italia, ha lanciato la sua colomba vegana. Incuriositi siamo andati a scoprire gli ingredienti con cui è realizzata e i suoi valori nutrizionali

La ricetta del porridge senza cottura

È stata abbastanza una sorpresa quando lo chef Cannavacciuolo ha annunciato la creazione di una colomba vegana. Chi segue MasterChef o è andato a mangiare a Villa Crespi, sa quanto Cannavacciuolo sia solito amare e cucinare con l’aiuto di prodotti animali. Come mai dunque questa scelta?

L’ha spiegato lui stesso in un post su Instagram. Si tratta di una sfida lanciata da sua moglie Cinzia che, nonostante le tentazioni offerte dal marito, sembra seguire una dieta vegana:

Antonino, scommettiamo che non farai mai un dolce 100% vegan?

La risposta dello chef è stata questa:

E perché no? Questo dolce di Pasqua al cioccolato è completamente vegano, senza alcun ingrediente di origine animale. Invece con il cioccolato e il cacao ho abbondato, come mio solito. Il risultato? Un dolce delizioso e particolarmente leggero. Che ne dite, uagliù, ho vinto la sfida con Cinzia?

La nuova colomba, certificata “Vegan”, viene prodotta nel Laboratorio artigianale di Cannavacciuolo, in collaborazione con il pastry chef Kabir Godi.

È disponibile in due versioni, entrambe da 750 gr:

  • senza canditi
  • con gocce di cioccolato

Si può acquistare sullo shop di Antonino Cannavacciuolo al prezzo di 29 euro.

Ma scopriamo adesso quello che ci interessa di più, ovvero gli ingredienti con cui è realizzata e la tabella nutrizionale.

Ingredienti

Questi gli ingredienti con cui è realizzata la colomba vegana di Cannavacciuolo:

FARINA 00, cioccolato fondente, margarina, acqua, latte di SOIA, lievito madre, zucchero, Olio extra vergine di oliva, burro di cacao, pasta di scorza d’arancia, amido di MAIS, enzimi di FRUMENTO, pasta di scorza di limone, pasta di scorza di mandarino, estratto di malto, sale, lecitina di SOIA, curcuma, vaniglia bourbon.

Glassatura: zucchero, farina di MANDORLE, latte di SOIA, acqua, farina di NOCCIOLE, farina di riso, semola di GRANO duro, armelline.

Può contenere PROTEINE DEL LATTE, NOCI, SEMI DI SESAMO, ARACHIDI.

Tra gli ingredienti spiccano indubbiamente il lievito madre (decennale) e la vaniglia bourbon del Madagascar. Interessante anche la presenza di curcuma che probabilmente viene utilizzata per regolare il colore della colomba.

Non possiamo non evidenziare poi come lo zucchero sia abbastanza indietro nell’elenco degli ingredienti (rispetto a molti altri prodotti commerciali). Il che significa che ce n’è un po’ meno, punto a favore di questa colomba.

Valori nutrizionali

Questi i valori nutrizionali per 100 grammi.

Energia 1084 kilojoules/ 432 Kcal
Grassi 25 grammi
di cui acidi grassi saturi 11 grammi
Carboidrati 43 grammi
di cui zuccheri 17 grammi
Fibre 4,1 grammi
Proteine 1,4 grammi
Sale 0,39 grammi

Anche se senza proteine animali, si tratta comunque di un dolce ricco di zuccheri e grassi (comunque meno di altri prodotti in commercio).

Lo chef Cannavacciuolo tramite il suo sito spiega anche il procedimento con cui è realizzata la colomba e altri dettagli del suo dolce pasquale:

Vanta una lievitazione di 36 ore con 5 passaggi d’impastamento e una lavorazione artigianale con “formatura” manuale, nel pieno rispetto della tradizione. La paziente preparazione prevede anche 7 ore di riposo a “testa” in giù. Tra gli ingredienti di maggior prestigio si annoverano: lievito madre decennale e vaniglia bourbon del Madagascar. Il confezionamento, curato nei minimi dettagli, avviene manualmente. Il dolce di Pasqua vegano al cioccolato è contenuto in un’elegante confezione creata dalle sapienti mani di un maestro della cartotecnica italiana.

Chi l’ha assaggiata si ritiene soddisfatto, considerando che spesso i prodotti vegani lievitati non riescono a replicare al meglio gli originali, “aiutati” da varie proteine animali ad essere più alti, soffici ed invitanti. In questo caso, però, l’esperienza dello chef Cannavacciuolo sembra aver fatto la differenza, anche se chi è abituato ai classici sapori della colomba potrebbe lo stesso rimanere deluso.

Se dovete ancora acquistare la colomba, seguite i consigli del nostro nutrizionista per sceglierla al meglio.

Leggi anche: Come scegliere la Colomba di Pasqua migliore, i trucchi e i consigli del nutrizionista

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte:  Antonino Cannavacciuolo Shop

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook