Ci sono insetti nel mio aperitivo? Siamo andati al supermercato e questo è quello che abbiamo scoperto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mangiamo (o beviamo) insetti senza saperlo? La risposta è sì. Il rosso cocciniglia, colorante estratto dall'omonimo insetto, si trova ad esempio in un noto aperitivo analcolico, anche se sempre più spesso viene sostituito da altre sostanze coloranti

In questo periodo si parla spesso di insetti, c’è infatti molta polemica in seguito alla decisione dell’Ue di approvare il consumo di farina di grillo, vermi della farina e locuste.

Leggi anche: Insetti nel piatto: dopo la farina di grillo, arrivano le larve del verme della farina sulle tavole degli europei

Mangiare insetti, si sa, è usanza tipica in diversi Paesi lontani da noi ma pochi sanno che, in realtà, anche in Italia già da tempo mangiamo insetti (anche se il più delle volte inconsapevolmente).

Sono anni che noi di GreenMe vi parliamo del colorante realizzato a partire dalla cocciniglia, l’omonimo insetto più spesso ricordato in quanto infestante delle piante. A partire dalle femmine di questa specie essiccate, si ottiene il colorante rosso che in etichetta si può trovare “nascosto” dietro la sigla E120.

Leggi anche: Cos’è questa storia del colorante a base di insetti (che mangiamo senza saperlo e si trova ovunque)

Ma l’E120 è presente anche negli aperitivi di colore rosso? Per capirlo siamo andati al supermercato e abbiamo condotto una piccola indagine.

Ecco cosa abbiamo scoperto.

I coloranti rossi negli aperitivi

Gli aperitivi già pronti che troviamo al supermercato, come il bitter rosso ma anche lo spritz, contengono coloranti ma non sempre si tratta di cocciniglia.

L’E120 l’abbiamo però trovato in uno degli aperitivi più noti e consumati: il Sanbittèr Rosso della San Pellegrino che, non a caso, vanta in etichetta in bella vista la scritta “con coloranti di origine naturale”.

san bitter confezione

@greenMe

Leggendo le etichette ci siamo accorti però che, almeno negli aperitivi, l’E120 è stato spesso sostituito da altri coloranti, di origine sintetica o naturale.

I coloranti che stanno sostituendo la cocciniglia

Gli aperitivi di colore rosso o aranciato contengono il più delle volte coloranti ma il rosso cocciniglia, rispetto al passato, sembra essere meno presente.

Nelle etichette di alcuni prodotti per aperitivo che vi presentiamo di seguito potete notare che sono presenti altre sigle come l’E122 o l’E124, coloranti rossi sintetici.

aperitivo E122 E124

spritz E124

@greenMe

Ma il cambiamento è positivo? Non proprio, se consideriamo che in alcuni studi è stato evidenziato che l’E122 e altri coloranti possono influire negativamente sui bambini, in particolare sulla loro attività e attenzione.

In un prodotto della Coop abbiamo trovato questa dicitura in etichetta, relativamente ai coloranti E122 ed E110: “Possono influire negativamente sull’attività e l’attenzione dei bambini“.

E122 etichetta

@GreenMe

In altre bevande, invece, la cocciniglia e i rossi sintetici sono stati sostituiti da concentrati di ribes nero e carota o da patata rossa e cartamo.

aperitivo con coloranti naturali

@greenMe

bitter coloranti naturali

@greenMe

Il nostro intento non è “spalleggiare” il consumo di insetti (chi scrive è vegetariana da anni) e neppure di promuovere gli aperitivi con coloranti vegetali naturali ma semplicemente ribadire un concetto fondamentale: leggete sempre le etichette dei prodotti che vi interessano. Solo così potete sapere cosa mangiate (o bevete) e fare acquisti consapevoli (indipendentemente dall’apprezzamento o meno di alcuni tipi di ingredienti).

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook