Tutti vogliono i Baiocchi al pistacchio: noi li abbiamo trovati e vi diciamo cosa c’è dentro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tutti pazzi per i Baiocchi al pistacchio, non lanciati ancora ufficialmente, introvabili e resi esclusivi da sporadiche apparizioni nei supermercati. La notizia si è presto diffusa sui social e noi siamo andati a cercarli per scoprire quali ingredienti contengono e come sono realizzati

Vi ricordate quando il problema era trovare i Nutella Biscuits? Ci risiamo. La nuova tendenza del momento è cercare, invece, i Baiocchi al pistacchio. Non lanciati ancora ufficialmente, fanno sporadiche apparizioni sugli scaffali, ma rimangono impossibili da trovare. Noi, invece, li abbiamo trovati. E oggi vi possiamo svelare cosa c’è dentro.

La nuova varietà, rispetto a quella classica che tutti conosciamo, farcita con crema alla nocciola e cacao, spopola già sui social, beneficiando anche di quella che sembra a tutti gli effetti una strategia di marketing perfetta, che li rende esclusivi e rari da trovare.

In questo caso i biscotti, sempre tondi e con i caratteristici 5 buchini, sono ripieni di crema al pistacchio e vengono venduti in formato pocket. La confezione contiene 6 porzioni ciascuna con 3 biscotti.

Già alla fine di maggio qualche consumatore attento li ha potuti notare e se n’è iniziato a parlare sui social. Inevitabilmente, i nuovi biscotti hanno attirato l’attenzione di molte altre persone e stanno andando letteralmente a ruba (anche perché si trovano ancora con una certa difficoltà). E c’è chi segnala di averli acquistati per 2,49 euro all’Esselunga.

 

La cosa strana è che non si trova notizia della loro presenza sul sito ufficiale di Mulino Bianco (a parte un teaser sui social), ma sembra che il lancio ufficiale potrebbe avvenire proprio nel corso di questo mese.

Nel frattempo siamo andati a caccia di questa novità, che effettivamente siamo riusciti a trovare in un punto vendita Esselunga di Roma.

Ingredienti

Questi sono gli ingredienti con cui vengono realizzati i biscotti Baiocchi al pistacchio:

  • farina di frumento
  • zucchero
  • oli vegetali (girasole, mais, colza, soia)
  • uova fresche
  • latte scremato in polvere
  • latte fresco pastorizzato
  • agenti lievitanti (carbonato acido di ammonio, carbonato acido di sodio, tartaro monopotassico)
  • amido di frumento
  • sale
  • aroma

In pratica il biscotto è quello classico, utilizzato anche per i baiocchi alla crema di nocciola.

La vera novità sta nella farcitura con crema di pistacchio 28% realizzata con:

  • zucchero, grassi e oli vegetali (karitè, girasole)
  • pistacchi 7,6%
  • latte scremato in polvere
  • amido di frumento

Può contenere tracce di frutta a guscio, senape, sesamo e soia.

Il quantitativo di pistacchi utilizzati non è altissimo ma comunque maggiore di altri biscotti farciti al pistacchio (come ad esempio i Grisbì che contengono pasta di pistacchio al 5%). Inoltre, quantomeno nella crema al pistacchio, non sono presenti aromi.

Notiamo poi (ed è ben pubblicizzato sulla confezione) che non si utilizza olio di palma –  punto a favore – ma anche altri oli (come quello di colza o soia) sono comunque controversi. Leggi anche: Olio di colza: un olio vegetale molto dibattuto. È salutare o dannoso?

Come tanti altri biscotti del genere, si tratta di un concentrato di zuccheri e grassi, sicuramente nuovo e goloso ma sempre di qualità industriale.

Vi avevamo già parlato di un’altra novità di quest’anno che riguarda sempre i Baiocchi: il gelato ispirato ai famosi biscotti. Leggi anche: Ti spiego cosa c’è dentro il nuovo gelato ai Baiocchi di Algida e Barilla

Si tratta di una ©Riproduzione riservata soggetta alle regole di Copyright, come del resto tutti gli articoli presenti sulla nostra testata giornalistica. Ci fa piacere se può essere di ispirazione per i tuoi contenuti, ma in tal caso ti ricordiamo che va indicata e linkata la fonte.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook