Crisi climatica, le pubblicità di automobili e di voli aerei ci allontanano dagli obiettivi di riduzione delle emissioni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le pubblicità di settori ad alte emissioni, come quello automotive e quello dell’aviazione, alimentano la crisi climatica e ci allontanano dagli obiettivi di riduzione delle emissioni

Le emissioni di gas serra dovute alle pubblicità delle auto e dei voli aerei in tutto il mondo potranno arrivare a circa una volta e mezza quelle dell’Italia, mentre le emissioni correlate alle pubblicità europee degli stessi settori potrebbero da sole superare le emissioni del Belgio.

È quanto emerge da una nuova ricerca di Greenpeace Nordic e New Weather Institute basata su dati del 2019 e che nel nuovo report Advertising climate chaos stimano l’impatto potenziale delle pubblicità di compagnie aeree e di auto sui modelli di consumo basati sui combustibili fossili e il conseguente impatto climatico in termini di emissioni di gas serra.

Leggi anche: Comunità Energetiche contro il caro bollette: cosa sono, dove si trovano in Italia e come si sono staccate dalla rete

Proprio la pubblicità genera inevitabilmente un aumento di domanda e di consumo e questo anche se una quota di automobili e di voli verrebbe acquistata ugualmente.

Il report

Il rapporto esplora la relazione tra le aziende che promuovono auto e voli dannosi per il clima, l’aumento degli acquisti da parte dei consumatori e le conseguenti emissioni di gas serra.

La stima delle emissioni dovute alle pubblicità del settore automotive nel mondo varia da un minimo di 191 milioni di tonnellate di CO₂ equivalente (più dei Paesi Bassi) a 527 milioni di tonnellate di CO₂ equivalente (più dell’Australia). La stima relativa alle pubblicità dei voli aerei è più bassa ma comunque significativa, dato che va da un minimo di 11 a un massimo di 34 milioni di tonnellate di CO₂ equivalente, pari a quelle che sarebbero emesse bruciando 17 milioni di tonnellate di carbone.

pubblicità aerei auto

©Greenpeace Nordic – New Weather Institute

Le pubblicità di settori ad alte emissioni, come quello automotive e quello dell’aviazione, alimentano la crisi climatica e ci allontanano dagli obiettivi di riduzione delle emissioni che dobbiamo raggiungere per evitare gli scenari peggiori del riscaldamento globale – dichiara Federico Spadini, campagna clima di Greenpeace Italia. Il modo più semplice per iniziare a tagliare le emissioni di gas serra è porre fine agli eccessi dei consumi indotti, e non necessari, dovuti alla pubblicità. Abbiamo messo fine alla pubblicità del tabacco per proteggere la salute, ora è il momento di vietare le pubblicità dei grandi inquinatori che alterano il clima mettendo a rischio la sicurezza di milioni di persone.

Greenpeace sta promuovendo una Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) che propone di vietare le pubblicità e le sponsorizzazioni delle aziende responsabili della crisi climatica.

Se la petizione Stop alla pubblicità delle aziende inquinanti, sostenuta da più di trenta organizzazioni, raggiungerà il traguardo di un milione di firme raccolte, la Commissione europea sarà obbligata a discutere una proposta di legge per mettere fine a queste pubblicità nocive per il clima.

QUI il rapporto completo e QUI puoi firmare la petizione.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Greenpeace

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook