Pos obbligatorio: per i tabaccai scatta l’esenzione (ma solo per la vendita di questi prodotti)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non tutti gli esercizi commerciali sono davvero obbligati ad accettare i pagamenti elettronici: la regola non vale per i tabaccai per la vendita di sigarette, valori bollati e non solo

Una bella storia

Dallo scorso 30 giugno tutti i negozi e le attività che erogano servizi, sul nostro territorio nazionale, sono obbligati ad accettare i pagamenti elettronici. Una novità introdotta, dal Decreto ministeriale PNRR 36/2022, con lo scopo di tutelare sia i consumatori finali che gli altri operatori dalle frodi fiscali, consentendo così un controllo delle fatture elettroniche.

Ciò significa che neanche al bar ci può essere negato di pagare con carta di credito o Bancomat. Ma questa regola non è valida per tutti. A rappresentare un’eccezione sono i tabaccai, a cui è stata concessa la possibilità di non accettare i pagamenti elettronici per alcuni prodotti, nello specifico per:

  • sigarette
  • valori bollati e postali
  • marche da bollo
  • francobolli
  • gratta e vinci

Ad annunciare la nuova disposizione, in vigore a partire da ieri, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Sin dal 2012 anno di entrata in vigore della prima norma che prevedeva la obbligatorietà dell’accettazione della moneta elettronica per tutti i commercianti, abbiamo sostenuto quanto riportato nelle premesse della determina in questione – commenta la Federazione Italiana Tabaccai, esprimendo la sua soddisfazione per l’esenzione dall’obbligo del Pas – Le finalità antielusione della norma del 2012 non servono con i tabacchi e i valori bollati e postali in quanto tutta la fiscalità è certificata a monte. Inoltre, la bassa marginalità è incompatibile con i costi connessi all’accettazione della moneta elettronica.

Di diverso parere, invece, il Codacons, secondo il quale questa situazione porterà alla creazione di una sorta di zona franca, sarà fonte di “disagi agli utenti e introdurrà disparità di trattamento tra gli stessi esercenti”.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonti: Agenzia delle Dogane/Federazione Italiana Tabaccai

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook