Perché a Venezia i turisti stanno girando “armati” di pistole ad acqua

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come mai nella città di Venezia diversi turisti vanno in giro con delle pistole ad acqua? Lo scopo di questa nuova strategia (piuttosto controversa) è allontanare i gabbiani

A Venezia tanti turisti stanno girando armati di pistole. Non armi vere, ma pistole ad acqua, come mostrano alcuni video diffusi in rete. E molti utenti si stanno domandando il motivo di questa stravagante “moda”. Si tratta di una nuova strategia adottata per allontanare i gabbiani, che spesso si avvicinano alle persone a caccia di cibo, strappando via panini o cornetti a qualcuno che è intento a mangiare.

È ormai risaputo che questi grandi volatili popolano la magica città lagunare, ma troppo spesso non sono ben visti e c’è chi li considera dei fastidiosi predatori. Da tempo gli operatori del settore turistico sono alla ricerca della soluzione migliore per allontanare i gabbiani dai balconi e dalle terrazze degli hotel.

Una strategia suggerita dagli albergatori per allontanare i gabbiani

Tra quelle proposte nel corso degli anni i sistemi acustici, dissuasori elettrostatici e meccanici e le disinfestazioni, ma finora quella più efficace e meno cruenta sembra essere rappresentata proprio dalle pistole colorate ad acqua, come confermato anche dall’ultimo seminario organizzato da Assoalbergatori. Per questo alcuni alberghi hanno già iniziato a fornirle ai loro ospiti.

Come le vedono scappano. Abbiamo provato in tutti i modi, con un gufo finto che girava, ma i piccioni gli salivano sulla testa. – chiarisce Paolo Lorenzoni, direttore del Gritti, storico hotel al centro di Venezia – Il falconiere ha un costo e chiamarlo tutti i giorni diventa eccessivo. Poi da un confronto con un esperto è emerso che a questi animali il colore arancione non piace, li infastidisce. Basta che un cliente si alzi e 10-15 tra piccioni e gabbiani si avventano sulle patatine al tavolo, rompendo bicchieri e non solo. Sono tanti i casi in cui abbiamo dovuto rimborsare i clienti per i drink sparsi per terra e le macchie sugli abiti. Ci tengo a precisare che le pistole ad acqua non fanno male agli animali, perché basta tenerle esposte”.

Come spiegato anche da Lorenzoni, non è necessario sempre usarle. Può bastare tenere le pistole ad acqua sul tavolo per tenere lontani questi uccelli.

Questa soluzione, però, non mette d’accordo tutti, almeno non chi ha a cuore i gabbiani. In fondo se questi uccelli si avventurano nella città a caccia di cibo è perché nel loro habitat naturale non hanno risorse a sufficienza e noi uomini stiamo depredando e inquinando le acque di Venezia. Come confermato da un recente studio, la laguna sta cambiando volto anche per via della presenza del Mose, che rischia di far sparire le le barene, ovvero le zone di terra emersa, che vengono periodicamente sommerse dalle acque per poi riemergere.

Le barene, che ricoprono un notevole superficie della laguna veneta, sono ricche di vegetazione e ospitano numerosi, insetti, uccelli (fra cui gabbiani) e pesci, oltre ad assorbire tonnellate di anidride carbonica.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Ansa 

Su Venezia leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook