Perché proviamo piacere quando schiacciamo brufoli e punti neri?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sono molti e diversi i motivi che ci spingono a schiacciarci brufoli e punti neri in maniera quasi compulsiva

Abbiamo attraversato tutti la fase dell’adolescenza in cui brufoli e punti neri erano un problema che sembrava irrisolvibile e che ci costringeva a diete, rimedi estremi e bizzarri, unguenti miracolosi – qualsiasi cosa pur di eliminare alla faccia quelle orrende e purulente pustole, che venivano schiacciate ogni volta che si presentavano alla nostra vista. Ma, per molte persone, schiacciare i brufoli è un perverso piacere che è continuato anche durante l’età adulta.

Quali sono i motivi che ci spingono a schiacciare i brufoli in maniera compulsiva? Le persone abituate a prendersi cura della propria pelle aborriscono alla visione di un enorme brufolone o di un punto nero: per loro liberarsene il prima possibile rappresenta una fonte di immensa gratificazione (segnalata anche dal rilascio di dopamina, l’ormone della felicità); altri invece sono semplicemente affascinati dalla sensazione di disgusto e raccapriccio derivante dalla visione del pus che fuoriesce da un brufolo; per alcuni, la lotta a punti neri e brufoli (propri o altrui) è rilassante e antistress. (Leggi anche: Perché non dovresti spremerti i brufoli)

Il fenomeno della distruzione dei brufoli è così piacevole a guardarsi per certe persone che genera piacere anche se visto in video: spopolano infatti sui social (in primo luogo su TikTok) video che mostrano lo svuotamento di pori infetti e otturati da sebo e pus, che ottengono milioni di visualizzazioni. Allo stesso modo, sono milioni i contenuti sul web (video e testuali) che trattano l’argomento, uno fra i più cercati dai giovanissimi.

In realtà, il piacere di schiacciare i brufoli (e di vederlo fare) è ben più antico dell’avvento dei social network: già nell’800, la letteratura medica parlava di “rimozione compulsiva” dei brufoli e classificava questo problema come disturbo mentale inserito nel quadro ossessivo-compulsivo: in pratica, l’azione di rimozione del brufolo sarebbe la conseguenza di un bisogno irrefrenabile e ineluttabile, di un pensiero ricorrente che attanaglia la mente del soggetto e che non può essere ostacolato.

L’ossessione per i brufoli e i punti neri, tuttavia, potrebbe tradire anche uno stato emotivo di ansia o di depressione: spesso soggetti angosciati dalla noia, dall’ansia o dalla solitudine schiacciano compulsivamente punti neri e brufoli – in modo simile a coloro che si mangiano le unghie o le cuticole. Anche la smaniadel perfezionismo e la volontà di apparire sempre al meglio di sé sono motivi che spingono a questa pratica, che ben si innesta in altre pratiche estetiche che, in forme più gravi, possono diventare vere e proprie patologie: strapparsi i peli delle sopracciglia, eliminare le pelli morte o altre piccole imperfezioni che imbruttiscono la nostra immagine riflessa.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook