Quanto spesso dovresti fare la doccia? La risposta non è quella che ti aspetti (per evitare problemi alla pelle)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Molti di noi sono abituati a fare la doccia ogni mattina, ma non si tratta di un'abitudine positiva per la nostra salute: vi spieghiamo perché

Libera Terra

Molte persone sono abituate a fare la doccia al mattino per provvedere alla propria igiene in modo completo, certo, ma anche per iniziare la giornata con la giusta grinta. Tuttavia, siamo proprio sicuri che fare la doccia ogni mattina sia un’abitudine salutare?

Secondo gli esperti, non è così. Fare la doccia ogni mattino è una “abitudine sociale” inutile se non addirittura dannosa, perché potrebbe privare la pelle dei suoi oli naturali e degli agenti patogeni “buoni” che proteggono il nostro organismo da infezioni e malattie (questo accade soprattutto se facciamo la doccia con acqua molto calda).

Il cortocircuito, spiegano gli esperti, consiste nella sovrapposizione che molte persone fanno fra pulizia e igiene. La pulizia – che non riguarda solo la nostra persona, ma anche accessori e vestiti che indossiamo ogni giorno – è l’insieme delle pratiche che mettiamo in atto per sentirci e apparire puliti e profumati. L’igiene, ha uno scopo sanitario, poiché con essa noi preveniamo la proliferazione di germi e batteri.

Le persone sono spinte a fare la doccia tutti i giorni come abitudine per risvegliare l’organismo dopo il riposo notturno, perché temono che la propria pelle abbia un cattivo odore o nell’ambito di una morning routine che include anche l’allenamento sportivo (corsa o attività fisica in palestra).

Leggi anche: Fare la doccia tutti i giorni fa male alla pelle?

Tuttavia, facendo la doccia quotidianamente possiamo incappare in alcuni problemi. Oltre a danneggiare il microbioma della pelle, come abbiamo detto, possiamo favorire l’insorgenza di irritazioni, pruriti e secchezza, o anche di desquamazione e screpolature. Inoltre, anziché proteggerci dall’attacco dei batteri con una maggiore igiene, potremmo divenire più vulnerabili.

C’è poi un importante problema connesso all’utilizzo delle risorse – l’acqua in primo luogo. Per una doccia veloce (quattro o cinque minuti) si consumano dai 20 ai 40 litri di acqua. A questi si aggiungono i consumi di bagnodoccia, shampoo e altri prodotti per l’igiene che, se utilizzati con frequenza eccessiva, possono provocare irritazioni e reazioni allergiche.

Ma quindi, quanto spesso dovremmo fare la doccia? Anche se non esiste una frequenza ideale, gli esperti suggeriscono che fare la doccia al massimo 2 o 3 volte alla settimana – a meno che non siamo molto sporchi, sudati, o non abbiamo motivi validi per fare la doccia più spesso.

Quanto al tempo della nostra permanenza sotto la doccia, bastano anche solo cinque minuti per lavarci bene, dedicando particolare attenzione alle zone delle ascelle e dell’inguine.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook