L’Italia ricostruirà il teatro di Mariupol distrutto dalla guerra in Ucraina

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nel tardo pomeriggio del 16 marzo, è stato bombardato – e in buona parte distrutto – il Teatro d’arte drammatica di Mariupol, la città probabilmente più martoriata dalla guerra in Ucraina. L’Italia fornirà le risorse e i mezzi necessari per la sua ricostruzione quando questo incubo sarà finito, come annunciato dal ministero della Cultura.

Nel Regno Unito emessa una moneta per celebrare il 50° del Pride

L’Italia si è resa disponibile a ricostruire il teatro di Mariupol, in larga parte distrutto dal bombardamento del 16 marzo pomeriggio, nel corso dell’atroce  e insensato conflitto tra la Russia e l’Ucraina. Lo ha annunciato il nostro ministero della Cultura.

Il teatro d’arte drammatica di Mariupol, belle artistica e culturale, era purtroppo diventato un rifugio anti aereo, e al momento del bombardamento del 16 marzo, sembra che ospitasse circa 500 civili. Tra reciproche accuse sugli autori del folle gesto, si sa che molte persone sono effettivamente morte e che la struttura è in gran parte distrutta.

Leggi anche: Guerra in Ucraina, cosa si sa sul bombardamento al Teatro di Mariupol

L’Italia è pronta a ricostruire il Teatro di Mariupol – annuncia su Twitter il ministro della Cultura Dario Franceschini. Approvata dal Consiglio dei Ministri la mia proposta di offrire all’Ucraina mezzi e risorse per riedificarlo appena sarà possibile. I teatri di ogni paese appartengono a tutta l’umanità

Nella speranza che tutto questo finisca presto.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonti: Ministero della Cultura / Dario Franceschini/Twitter

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook