In Svezia i genitori sono pagati per prendersi cura dei bambini malati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Vård av Barn è il nome del programma che dal 1974 permette di seguire un figlio se si ammala mantenendo l’80% dello stipendio

Ecco il carrello smart per la spesa

Si chiama Vård av Barn ed è il programma governativo svedese per “la cura del bambino” che offre la possibilità ai genitori, sia dipendenti che lavoratori autonomi, di prendersi un periodo di pausa retribuito di massimo di 120 giorni l’anno per assistere i figli ammalati dal raffreddore, alla visita medica fino alle patologie più gravi.

Viene concesso dal datore di lavoro anche se i figli a carico hanno superato i 18 anni. A seconda della loro fascia di età, ci sono precise indicazioni da seguire e certificati medici da presentare. Il tutto gestito tramite l’app dell’Agenzia svedese delle assicurazioni sociali.

Il VAB è stato introdotto nel 1974, ma come funziona? Viene praticata una trattenuta di circa 105€ dallo stipendio mensile per garantire, poi, un compenso in VAB pari all’80% di quello abituale. Questo pagamento può essere corrisposto anche a terze persone indicate dai genitori. Solitamente i datori di lavoro non negano la richiesta di accesso al programma anche per evitare la diffusione di raffreddori o febbri nel luogo di impiego.

Nel 2019 sono stati sovvenzionati 6,7 milioni di giorni di malattia saliti a 8,3 milioni nel 2020 con un esborso di oltre 15 milioni di euro per l’esplosione della pandemia da Covid secondo i dati raccolti dall’Agenzia svedese delle assicurazioni sociali. Lo stesso ente inoltre informa come, anche in Svezia, sono soprattutto le donne a usufruire di questo programma con una proporzione di 60 su 40 tra queste e gli uomini.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: Agenzia svedese delle assicurazioni sociali

Potrebbero interessarti anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in lettere moderne con la passione per il digitale. Giornalista professionista dal 2010: curiosa e fantasista della comunicazione, dalla tv al web.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook