Come uno spray che diventa fosforescente può aiutare le donne a difendersi dalla violenza

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per la prima volta nel Regno Unito è stata utilizzata una nuova tecnologia per frenare la violenza sulle donne: si tratta di un rivoluzionario spray fosforescente. Vediamo come funziona

Nudi contro il cancro alla pelle

Nel Regno Unito un uomo è stato condannato e incarcerato per abusi domestici dopo che gli era stato spruzzato il cosiddetto SmartWater, un liquido che si manifesta sotto la luce ultravioletta. Succede per la prima volta, grazie a questa nuova tecnologia ancora in fase di sperimentazione che mantiene viva un’unica speranza: mantenere le donne al sicuro.

Si tratta di una sostanza che rimane sulla pelle fino a sei settimane e sugli indumenti per molto più tempo e che dunque fa risalire automaticamente all’autore di un reato collegandolo al lotto specifico di acqua che è stata spruzzata. E così, in UK, accade che l’uomo che aveva abusato e violato l’ordine di stare alla larga venga processato e condannato. Grazie a quello spray.

Leggi anche: Il discorso di Angelina Jolie contro la violenza sulle donne che tutti dovrebbero ascoltare

Siamo West Yorkshire e qui la vittima è solo una delle oltre 200 donne che, in tutto il Regno Unito, ora hanno a casa i “forensic deterrent packages“, i pacchetti che includono (a soli 150 sterline al mese a persona, circa 180 euro…) una bomboletta spray, un gel per maniglie e cancelli delle porte e una trappola automatica che spruzza il liquido se qualcuno si avvicina alla casa.

Gli abusi domestici sono spesso difficili da perseguire e molti di questi crimini si verificano a porte chiuse. Può essere una parola contro l’altra. Se contrassegniamo, allora possiamo rintracciare qualcuno in un luogo. Sapremo chi è l’autore e sapremo anche chi è la vittima, spiega alla BBC il sovrintendente investigativo della polizia del West Yorkshire, Lee Berry.

Per anni, lo spray è stato utilizzato per scoraggiare i potenziali ladri che si intrufolano nelle case, applicandolo a oggetti di grosso valore. Una volta asciutto, il liquido è invisibile ad occhio nudo, ma si illumina di giallo fluorescente sotto lampade e torce ultraviolette utilizzate dalla polizia. Se gli oggetti di valore vengono poi rubati e successivamente recuperati, il loro proprietario originale può essere rintracciato dopo un test di laboratorio su un campione. Ora, l’applicazione della tecnologia per combattere la violenza domestica è completamente nuova.

Lo SmartWater ha aiutato in questo caso gli agenti a catturare l’uomo. È stato in gattabuia per 24 settimane e gli è stata data un’ordinanza restrittiva di due anni.

Cosa ne pensate? Lo usereste o lo fareste usare?

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: BBC

Leggi anche: 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook