Scatta una foto mentre fa il saluto nazista ad Auschwitz, multata turista olandese

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una turista olandese è stata multata per aver fatto il saluto nazista davanti all'ex campo di sterminio nazista di Auschwitz

L’ex campo di sterminio Auschwitz-Birkenau è un luogo in cui si dovrebbe entrare in punta di piedi, con sacrale silenzio e rispetto per i milioni di ebrei barbaramente uccisi dai nazisti. Eppure c’è chi ha pensato di mettersi davanti al cancello d’ingresso, dove si trova la celebre scritta “Arbeit Macht Frei”, con il braccio teso per imitare il saluto nazista. La protagonista della vergognosa vicenda è una turista olandese di 29 anni, che ha chiesto al marito di scattarle una foto mentre inneggiava al nazismo.

Il suo gesto, però, non è passato inosservato e gli agenti della polizia polacca l’hanno fermata con l’accusa di propaganda nazista, un crimine che può costare fino a due anni di reclusione in Polonia.

La donna si è subito giustificata dicendo che si trattava solo di un “brutto scherzo” e alla fine è stata rilasciata dalle forze dell’ordine, che hanno optato per una sanzione che la turista ha subito accettato di pagare.

Purtroppo non è la prima volta che qualcuno viene fermato per un comportamento di questo tipo. Nel 2013 due cittadini turchi sono stati multati e condannati a sei mesi di carcere per un saluto nazista sempre al campo di sterminio polacco. Alla turista olandese è andata più che bene.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Rp.Pl

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook