Perché a Pasqua si mangiano le uova?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In gran parte dei Paesi del mondo le uova sono considerate il simbolo della Pasqua. Ma perché? Da dove deriva l'usanza di regalare uova durante questa festa?

Le uova di Pasqua, i dolci al cioccolato che noi tutti conosciamo, si sono trasformate nel corso degli ultimi decenni in un vero e proprio simbolo di questa festa, con risvolti commerciali più o meno apprezzati. La scelta dell’uovo come simbolo della festa di Pasqua ha però origini molto più antiche, che ci portano a ripercorrere secoli di storia al fine di scoprirle.

Prima di giungere al significato della Pasqua e delle uova nella religione cristiana, è infatti necessario compiere un salto ancora più indietro nel tempo, fino alle antiche religioni pagane, dove il simbolo dell’uovo era correlato al significato della vita ed alla sacralità della terra stessa.

Leggi anche: Pasqua: le tradizioni in giro per l’Europa che (forse) non conosci

Tradizioni pagane

Le popolazioni antiche consideravano l’uovo coma una rappresentazione dell’unione della terra con il cielo, che andavano a fondersi in un’unica creazione. Gli antichi Egizi attribuivano simbolicamente all’uovo la funzione di fulcro dei quattro elementi che costituiscono l’universo: terra, acqua, aria e fuoco.

Nelle tradizioni pagane e mitologiche l’uovo si accompagna al significato di rinascita, in particolare con riferimento al sopraggiungere della primavera, periodo dell’anno in cui la natura rifiorisce dopo il lungo e sterile inverno ed in cui la terra rivive grazie ad una ritrovata fertilità: i campi possono essere nuovamente seminati nella speranza di ottenere ricchi raccolti. Gli antichi romani sotterravano un uovo dipinto di rosso nei campi coltivati in modo da propiziarne la fertilità.

Cristianesimo

In seguito, il cristianesimo ha ripreso la simbologia legata all’uovo come simbolo di vita e di rinascita ricollegandola al significato stesso della festività sacra della Pasqua, in cui si celebra la risurrezione di Gesù Cristo e si rinnova la speranza nella vita eterna nei Cieli. L’uovo racchiude una nuova vita al proprio interno, così come il sepolcro, concretamente vuoto, rappresenta in realtà la possibilità di una rinascita dopo la morte, verso la vita ultraterrena.

Le uova come dono

Quando e dove nacque l’abitudine di scambiarsi in dono delle uova in occasione della Pasqua? A partire dal Medioevo l’uovo divenne un dono per la servitù. Nello stesso periodo le uova iniziarono ad essere decorate in occasione della Pasqua ed a simboleggiare dal punto di vista religioso la rinascita dell’uomo in Cristo.

La tradizione di scambiarsi in dono delle uova nel giorno di Pasqua ebbe inizio in Germania, ma già dal Medioevo iniziarono ad essere fabbricate delle uova artificiali da offrire in regalo. Si trattava di uova realizzate mediante l’impiego di metalli preziosi, come l’oro, spesso riccamente decorate e commissionate dai sovrani agli artigiani affinché potessero essere donate durante la festa.

Non soltanto gli zar di Russia espressero la propria passione per le uova d’oro riccamente decorate, ma anche Edoardo I, re d’Inghilterra, tra il tredicesimo ed il quattordicesimo secolo decise di commissionare centinaia di uova d’oro da offrire in dono in occasione della festività pasquale. Le più spettacolari uova decorate destinate allo zar di Russia furono opera dell’orafo Peter Carl Fabregé, attivo a fine Ottocento.

Le uova di cioccolato

Oggi le ricche uova del passato sono state sostituite dalle più umili uova di cioccolato, la cui realizzazione può avvenire in maniera casalinga, utilizzando del cioccolato fondente ed appostiti stampi. Le classiche uova di Pasqua di cioccolato, preparate artigianalmente e decorate, vedono una maggiore diffusione all’estero, rispetto all’Italia, dove a farla da padrone nel periodo pasquale sono le uova con sorpresa confezionate industrialmente e destinate soprattutto ai bambini.

In Italia l’uovo di Pasqua si affianca ad altri dolci tipici di questa festa ad altre preparazioni da consumare alla fine del pranzo, come la colomba e la pastiera. Nella religione Cristiano-Ortodossa, le uova di Pasqua di cioccolato sono ritenute una strumentalizzazione commerciale della festività religiosa e per questo motivo la loro diffusione come doni da regalare ai bambini risulterebbe limitata.

Uova di Pasqua solidali

Le uova di Pasqua di cioccolato, oltre che un dono da acquistare in occasione della Pasqua, possono essere parte di iniziative benefiche. Anche quest’anno la Lav, ad esempio, ha proposto l’acquisto di uova per aiutare l’associazione a prendersi cura degli animali salvati dai maltrattamenti

Ogni uovo LAV è abbinato a un animale salvato: grazie a te, potremo garantirgli un rifugio accogliente, cibo sano, cure e tutto l’amore di cui ha bisogno. E c’è una sorpresa: potrai conoscere il tuo animale! All’interno dell’uovo troverai le istruzioni per iniziare questa bellissima amicizia: vedrai con i tuoi occhi come trascorre le sue giornate, e potrai anche andarlo a trovare! – spiega la LAV – Inoltre una parte del ricavato per la cessione delle Uova sarà destinato ai nostri progetti per l’Emergenza Ucraina.

Nel caso si volesse invece preparare un uovo di Pasqua in maniera casalinga, sarà sufficiente munirsi di stampi adatti e cioccolato fondente, prima di seguire la nostra semplice ricetta.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook