I francesi scelgono l’ora legale per sempre, ma dovranno aspettare il 2021

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I francesi sembrano andare verso questa direzione: con una consultazione pubblica hanno scelto di dire stop al cambio orario. E in Italia? E' ancora tutto da capire.

Nel Regno Unito emessa una moneta per celebrare il 50° del Pride

Addio al cambio tra ora legale e ora solare. I francesi sembrano andare verso questa direzione: con una consultazione pubblica hanno scelto di dire stop al cambio orario. E in Italia? È ancora tutto da capire. Quello che si sa è che dobbiamo aspettare 2021.

Come sappiamo attualmente esiste il passaggio dall’ora solare a quella legale, che per il 2019, sarà la notte tra 20 e il 31 marzo, data in cui le lancette verranno spostate un’ora in avanti.

L’ora legale era stata introdotta nel 1916 quando serviva luce per costruire armi e munizioni. Poi soppressa, è stata adottata definitamente in Italia con la legge 503 del 1965 e applicata nel 1966. Ma cosa potrebbe accadere in futuro?

Finora i sondaggi dicono che l’84% degli europei non vuole più questo cambio. In Francia le idee sono molto chiare e già 2milioni di cittadini hanno deciso tramite consultazione pubblica. Il 59.17% ha scelto l’ora legale. Perché?

Gli intervistati sono convinti che il cambio di orario abbia ripercussioni su salute e incidenti stradali e che poi non porti a un effettivo risparmio sulla bolletta energetica. Gli esperti parlano invece di un risparmio di quasi , facendo quindi il cambio tra ora solare e ora legale.

Come andrà a finire?

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook