Pensava di avere la demenza, invece aveva la malattia di Lyme: era stata morsa da una zecca nel 1989

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per quasi trent'anni questa donna aveva convissuto con mal di testa, confusione, dolori articolari, incontinenza - tutta colpa di un morso di zecca subito quando era ragazza

Come conservare al meglio le fragole

Per 29 lunghi anni la signora Pauline Bowie 54 anni e madre di tre figli, aveva pensato di essere affetta da demenza precoce: confusione mentale, mal di testa, dolori muscolari, incontinenza. Tutto faceva pensare ad un principio di Alzheimer, ma mai una diagnosi fu più sbagliata.

Per quasi tre decenni la donna si è rivolta agli specialisti più disparati, cercando di trovare una cura a quei sintomi apparentemente inspiegabili soprattutto per una persona giovane come lei.

La sua situazione fisica ha continuato a peggiorare finché Pauline, nel 2018, non ha sentito parlare in televisione di una malattia chiamata Malattia di Lyme, un’infezione batterica trasmessa dal morso delle zecche: i sintomi descritti erano molto simili a quelli provati da lei.

Per questo motivo Pauline ha inviato i propri campioni di sangue ad un laboratorio tedesco affinché fossero analizzati. Da qui, l’incredibile esito: anche lei soffriva di malattia di Lyme, a seguito del morso di una zecca avvenuto durante un viaggio negli Stati Uniti nel lontano 1989!

(Leggi anche: Come rimuovere correttamente le zecche: quali metodi sono adatti e quali evitare)

Insomma, Pauline ha combattuto contro la sua malattia per quasi trent’anni prima di ricevere l’attenzione e le cure mediche adeguate alla sua patologia – quando sarebbe bastata una cura a base di antibiotici di quattro settimane per guarire completamente.

Dopo la diagnosi e l’inizio di una cura adeguata alla malattia di Lyme, Pauline ha iniziato immediatamente a sentirsi meglio e i sintomi sono presto spariti – in primis, la nebbia nella mente, ciò che maggiormente spaventava la donna, perché la portava a dimenticare praticamente ogni cosa.

Da ragazza, all’età di 21 anni, Pauline aveva lavorato per l’agenzia di viaggi Camp America e aveva compiuto un viaggio nel Michigan nell’agosto del 1989. Durante quell’occasione era stata morsa da una zecca e aveva contratto la malattia di Lyme.

Dopo il morso della zecca, aveva sofferto di febbre alta per alcune settimane, e aveva sviluppato anche un’eruzione cutanea in corrispondenza del morso, diagnosticata e trattata erroneamente come tigna. Da quel momento, la sua salute aveva continuato a peggiorare – apparentemente senza un motivo.

Dopo la diagnosi effettuata in Germania, la vita di Pauline è tornata più o meno normale: segue un’alimentazione sana, tiene sotto controllo i parametri clinici, prende delle medicine di mantenimento; in caso di dolori forti alla testa o alle articolazioni, il medico le ha prescritto trattamenti mirati a base di antibiotici.

La donna ha anche fondato un’associazione per sensibilizzare le persone su questa malattia poco nota, che può compromettere un’intera esistenza se non trattata in tempo, e per tenere alta l’attenzione sulle zecche, animaletti piccoli ma potenzialmente molto pericolosi.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Facebook

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook