Meno compiti e meno Internet per i bambini cinesi: lo impone ora una legge appena approvata dal Parlamento di Pechino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Parlamento cinese ha approvato una legge che chiede ai governi locali di adottare misure per ridurre l’onere dei compiti a casa eccessivi

Quasi incredibile a dirsi, ma la Cina fa dietrofront sul carico scolastico: il Parlamento di Pechino ha approvato una legge che richiede ai governi locali di adottare misure per ridurre l’onere dei compiti a casa eccessivi e del tutoraggio fuori dal campus dell’istruzione obbligatoria. Richiesto anche un controllo per diminuire le ore dei bambini su Internet.

Notizia proprio di poche ore fa: i legislatori cinesi hanno votato per adottare una nuova legge sulla promozione dell’educazione familiare: la norma prevede che i genitori o altri tutori dei minori siano responsabili dell’educazione familiare, mentre lo Stato, le scuole e la società forniscano orientamento, sostegno e servizi allo scopo.

Ma non solo: in risposta all’impulso del Paese di alleggerire il carico di lavoro dei giovani studenti, la legge richiede ai governi locali di intervenire per ridurre il carico dei compiti a casa eccessivi e vieta ai genitori di imporre ai figli un onere scolastico eccessivo, prevedendo che i tutori dei minori debbano organizzare adeguatamente il tempo dei figli per lo studio, il riposo, la ricreazione e l’esercizio fisico.

Allo stesso modo, anche i genitori sono tenuti a fare la loro parte nell’impedire che i loro figli diventino dipendenti da Internet.

Da un lato si rafforza dunque l’intenzione del governo cinese di “responsabilizzare” (con le dovute virgolette) i genitori, accanto alla bozza di legge per punire i genitori stessi se i figli hanno comportamenti criminali.

Leggi anche: La Cina sta preparando una legge per punire i genitori se i figli hanno comportamenti criminali

Dall’altro però, il governo del grande Paese asiatico appare intenzionato a fare dietrofront sul carico fisico e morale imposto ai più piccoli, cercando di intervenire sui loro equilibri impegni/svago.

Leggi anche: Compiti a casa (e delle vacanze): consegnato un decalogo al MIUR per regolarizzarli

Una serie di misure che – immaginiamo – faranno discutere, nel bene e nel male.

Fonte: Xinhuanet

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Basilio Petruzza ha conseguito la laurea triennale in Lettere, indirizzo Musica e Spettacolo, e la laurea magistrale in Dams, indirizzo Teatro-Musica-Danza. È uno scrittore e blogger, ha pubblicato due romanzi e ha un blog.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook