45 anni fa il massacro di Atocha, data in cui venne poi istituita la Giornata internazionale degli Avvocati in pericolo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il 24 gennaio si celebra la Giornata degli avvocati in pericolo per ricordare le vittime del massacro di Atocha

Non conservare così l'avocado: è pericoloso

Il 24 gennaio del 1977 tre uomini armati entrarono in un ufficio di avvocati giuslavoristi in Calle de Atocha, a Madrid, uccidendo cinque avvocati e ferendone quattro.

La strage, che viene ricordata in Spagna come la “Matanza de Atocha”, avvenne a due anni di distanza dalla caduta della dittatura franchista e rappresenta uno dei più gravi attentati compiuti dai terroristi di estrema destra contro i membri del Partito comunista.

Erano anni molto delicati, in cui la Spagna si avviava verso la democrazia dopo 35 anni di dittatura. In quel periodo, alcuni avvocati specializzati in diritto del lavoro, anziché dedicarsi a una carriera professionale sicura e ben pagata, entravano a far parte dei sindacati per aiutare le lavoratrici e i lavoratori più poveri e vulnerabili a far valere i propri diritti. Le strutture della dittatura franchista non erano però ancora state smantellate e alcuni gruppi di estrema destra cercavano di destabilizzare il paese, anche attraverso omicidi politici.

Ancora oggi in diverse parti del mondo, molti avvocati sono oggetto di minacce, violenze e, in alcuni casi, pagano con la loro vita l’impegno a esercitare il loro lavoro in modo autonomo e indipendente, cercando di far rispettare i diritti dei loro assistiti.

Per porre l’attenzione dell’opinione pubblica sui rischi che ogni giorno corrono questi professionisti, dal 2009 la Fundación Abogados de Atocha, insieme ad altre associazioni di avvocati, ha istituito la Giornata degli avvocati in pericolo che si celebra proprio il 24 gennaio di ogni anno, data del massacro di Atocha.

Ogni anno gli spagnoli rendono omaggio a Luis Javier, Ángel, Serafín, Francisco Javier ed Enrique, vittime del massacro, portando fiori in Plaza de Anton Martìn,a pochi passi dal luogo dell’attentato, dove sorge un monumento a loro dedicato.

Anche quest’anno le celebrazioni sono state rimandate a causa della pandemia, ma un piccolo gruppo della Fondazione si recherà comunque sul monumento a portare dei fiori. Tra questi ci sarà Alejandro Ruiz-Huerta Carbonell, presidente della Fondazione e sopravvissuto all’attentato di 45 anni fa.

 

Leggi anche:

Fonti di riferimento: Fundación Abogados de Atocha/Consiglio Nazionale Forense/AAVV Madrid

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook