Liquefazione, l’alternativa ecologica alla cremazione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La liquefazione o acquamazione consente di smaltire i corpi grazie a idrolisi alcalina riducendo le emissioni e la spesa energetica

Avete mai sentito parlare di liquefazione? Si tratta di un’alternativa ecologica alla cremazione, nota anche come acquamazion o idrolisi alcalina.

La tecnica è stata sviluppata per la prima volta all’inizio degli anni ’90 per smaltire le carcasse di animali e, successivamente, è stata impiegata negli allevamenti durante l’epidemia della mucca pazza e nelle scuole di medicina statunitensi, nello smaltimento dei corpi donati alla scienza.

In questi giorni, l’acquamazione è tornata a far parlare di sé poiché è stata scelta dall’arcivescovo Desmond Tutu, deceduto in Sudamerica nel giorno di Santo Stefano all’età di 90 anni.

Tutu, eroe anti-apartheid, era noto per il suo stile di vita modesto e rispettoso per l’ambiente. Per il suo funerale, ha chiesto una cerimonia semplice, una bara a buon mercato e una cremazione ecologica. Il suo corpo è stato dunque sottoposto ad acquamazione, tecnica più sostenibile rispetto alla cremazione tradizionale.

Di cosa si tratta? Nella liquefazione si utilizza una soluzione alcalina, generalmente ottenuta da idrossido di potassio in acqua. Il corpo non viene dunque bruciato, ma immerso per alcune ore nella miscela e sottoposto a idrolisi alcalina ad alte temperature. Nella reazione, tutti i tessuti del corpo vengono liquefatti ad eccezione delle ossa, che sono poi essiccate e ridotte in polvere per essere consegnate ai parenti del defunto.

Nella nostra cultura la morte rappresenta un evento molto doloroso, traumatico e difficile da affrontare e superare. La morte è però qualcosa di naturale e inevitabile, che ha ovviamente un impatto non solo emotivo, ma anche pratico. La sepoltura tradizionale porta ad esempio a occupare suolo, mentre altri metodi di smaltimento determinano elevati consumi di energia e di emissioni in atmosfera.

L’acquamazione è considerata una delle tecniche di smaltimento più ecologiche poiché consuma energia circa cinque volte meno rispetto alla cremazione e determina una riduzione di emissioni di gas serra di almeno il 35%. Inoltre, come per la cremazione e per il compostaggio umano, anche la liquefazione consente di smaltire i corpi in modo igienico e di risparmiare spazio.

Leggi anche: Compostaggio umano, negli Usa puoi già ricongiungerti a Madre Natura dopo la morte

Nonostante i vantaggi però, l’acquamazione è autorizzata solo in alcuni paesi; in altri, come il Sudafrica, non esistono leggi per disciplinare questa pratica.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti di riferimento: Aquamation info/The Guardian

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook