Questa insegnante egiziana è stata licenziata per aver ballato in pubblico la danza del ventre

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Egitto una donna è stata licenziata e lasciata dal marito per aver ballato in pubblico con i suoi colleghi ripresa da un video

Non è la prima volta che accade: un semplice video diffuso sui social può rovinare la vita di una persona, anche se non ha fatto nulla di male. È quanto accaduto in Egitto a Aya Yousef, una donna che solo per aver ballato la danza del ventre in pubblico ed essersi divertita insieme ai suoi colleghi è stata lasciata dal marito e licenziata.

L’insegnante è apparsa in un video, poi diventato virale, in cui ballava sulle note di una popolare musica egiziana con i suoi colleghi durante una crociera sul Nilo. Ebbene questo momento di gioia e divertimento le è costato molto caro.

Alcune persone presenti, infatti, hanno filmato e denunciato la donna e altri 5 insegnanti alle autorità educative della provincia di Dakahlia per “cattiva condotta” ed effettivamente dopo poco Aya Yousef è stata licenziata e ha quindi perso il suo lavoro da insegnante di lingua araba in una delle scuole di sperimentali a Mansoura.

Anche il marito non ha preso bene la cosa e ha deciso di divorziare, lasciandola sola con i suoi 3 figli e senza lavoro.

Guardando il video tutto questo ci appare più che mai incredibile!

Fatto sta che queste immagini hanno suscitato una massiccia polemica che vede da una parte chi ha condannato gli insegnanti per aver ballato in pubblico e dall’altra chi ha denunciato quella che sembra essere invece piuttosto una violazione della privacy delle cinque persone protagoniste del video.

Si è riacceso ovviamente anche il dibattito sul tema dei diritti delle donne nel Paese.

Aya Yousef dopo il polverone che l’ha coinvolta ha dichiarato:

Non ho fatto niente di male. Tutto quello che ho fatto è stato divertirmi come tutti gli altri che partecipavano al viaggio. Ma le persone mi hanno condannato come se avessi commesso un crimine quando condividevo le risate e giocavo con i miei colleghi. Il mio lavoro di insegnante finisce al cancello della scuola. Come tutte le altre persone, ho il diritto di vivere la mia vita, compiacere me stessa, suonare e ballare.

Cose che nel 2022 non dovrebbe essere più necessario ribadire.

Un giornale online egiziano sostiene che l’insegnante è stata poi reintegrata a lavoro ma questo episodio in ogni caso mostra quanto ancora ci sia da fare per assicurare dignità e pari diritti alle donne di tutto il mondo.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte:  BBC

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook