A Leopoli la protesta dei passeggini vuoti per ricordare le piccole vittime innocenti della guerra

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una manifestazione pacifica per accendere i riflettori sulle troppe vittime giovanissime del conflitto che sta insanguinando l'Europa ormai da tre settimane è quella che si è svolta oggi a Leopoli

Una manifestazione pacifica per dire basta alla guerra e per provare a fermare il massacro di civili che miete troppe vittime, soprattutto fra i più piccoli. Questa mattina nella città ucraina di Leopoli – finora non ancora colpita dalla furia delle truppe armate russe – un silenzioso corteo di passeggini vuoti ha acceso i riflettori sulla strage dei bambini nel Paese bombardato.

I passeggini vuoti sono stati disposti lungo sei file nella piazza centrale della città, proprio di fronte all’edificio che ospita giornalisti e reporter da tutto il mondo. Centonove passeggini, per l’esattezza, come centonove sono finora le vittime ufficiali registrate fra i più piccoli, oltre a qualche centinaio di bambini che si annoverano fra i feriti.

Questi numeri, tuttavia, non tengono conto del fatto che tutti i bimbi coinvolti nel conflitto sono delle vittime. Costretti a dire addio troppo presto alla propria innocenza e alla loro spensieratezza, molti hanno già lasciato le proprie case e le proprie città, verso una destinazione ignota che fa paura – spesso da soli, senza neanche un genitore o un tutore ad accompagnarli.

Come sottolineato dall’associazione umanitaria Save The Children, sette milioni e mezzo di minori rischiano di subire le conseguenze più estreme di questo conflitto nel cuore dell’Europa: allontanamento dalla famiglia, sfollamento, danni fisici, traumi psicologici con i quali dovranno convivere per il resto della vita.

In un comunicato stampa di qualche giorno fa, l’associazione ha mostrato particolare interesse per i piccoli senza famiglia, che vivono in orfanotrofi e istituti: mentre gli altri riescono a fuggire grazie ai corridoi umanitari, questi restano intrappolati nel Paese, esposti al rischio di bombardamenti ma anche di essere inseriti in circuiti di tratta e sfruttamento, come spiega Irina Saghoyan, direttrice di Save the Children per l’Europa orientale:

L’operazione militare russa in Ucraina ha spinto un milione di bambini a fuggire, ma la maggior parte dei bambini ricoverati in istituto rimane intrappolata nel Paese. Questi bambini sono tra i più vulnerabili in Ucraina e corrono un rischio maggiore di tratta, abusi e altre forme di sfruttamento.

Siamo estremamente preoccupati per la sicurezza e il benessere di questi bambini, in particolare quelli che vivono con disabilità. Molti bambini che vivono in istituto hanno parenti viventi in grado e disposti a prendersi cura di loro. Tuttavia, con le ostilità in corso in Ucraina, temiamo che questi bambini vengano lasciati indietro.

Garantire la sicurezza di questi bambini, la loro cura continua e l’accesso ai bisogni di base devono avere la priorità. I bambini in istituto non possono essere dimenticati.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonti: ANSA / Save The Children

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook