Johnny Depp scherza e gioca con dei bambini sul red carpet della Festa del Cinema di Roma. Il suo “Puffins” parla di una specie da salvare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tenero siparietto al Festival del Cinema di Roma: Johnny Depp si intrattiene con i bambini e gioca con loro sul red carpet.

Nel Regno Unito emessa una moneta per celebrare il 50° del Pride

Per oltre due ore si è fatto attendere dai suoi fan in fibrillazione, ma alla fine Johnny Depp è arrivato sul red carpet del Festival del Cinema di Roma e si è fatto perdonare. Come? Fermandosi a giocare e a scherzare con i bambini che aspettavano di vederlo dal vivo, in compagnia dei genitori, all’Auditorium Parco della Musica, dove è in corso la kermesse cinematografica.

L’attore hollywoodiano, in ritardo per via della folla di ammiratori che lo avevano bloccato sotto il suo albergo, si è presentato domenica scorsa al festival in mise casual, con cappello nero, bandana e i suoi iconici occhiali da sole. E prima di mettersi in posa e delle interviste, si è intrattenuto con i bambini presenti, dando a tutti la mano e poi accovacciandosi per giocare con loro, in particolare con un bimbo molto piccolo che ha salutato con il pugno e il “cinque”. Un siparietto tenero e inatteso, che ha reso felici i ragazzini e le loro famiglie.

Non è la prima volta che Johnny Depp mostra il suo amore per i più piccoli. In passato, l’attore – travestito da Jack Sparrow – ha fatto visita ai bambini malati di tumore al reparto di pediatria nel centro oncologico dell’Institut Marie Curie di Parigi. 

In questi giorni Johnny Depp si trova al Festival del Cinema per presentare “Puffins”, l’attesissima web-serie (spin-off del film d’animazione “Arctic – Un’avventura glaciale”), in cui presta la voce alla pulcinella di mare protagonista chiamata (non a caso) Johnny Puff.

Intervistato sul red carpet sul suo rapporto con il pubblico dei più piccoli, l’attore statunitense ha voluto dedicare toccanti parole alle giovani generazioni. 

“Sono puri, Sono delle piccole anime pure. Non so se si tratta di insegnare loro qualcosa. Probabilmente si tratta di rendere loro più agevole il cammino se possibile. Proprio per questo credo siano utili questi ruoli. Mi piace il fatto che siano pensati proprio per non aver bisogno di parole. Si tratta di far provare emozioni ed è bellissimo” ha detto riferendosi ai personaggi della web-serie “Puffins”.

Per entrare meglio nel personaggio la star di Hollywood ha dovuto inventare un linguaggio fatto di versi animali e vocalizzi da neonato, documentandosi ed esercitandosi molto.

Una web-serie d’animazione su una specie da tutelare 

Tanti bambini non vedono l’ora di guardare la web-serie animata “Puffins”. Peccato, però, che le pulcinelle di mare stiano scomparendo a causa degli effetti nefasti crisi climatica. Questi meravigliosi uccelli migratori, noti anche come fratercule, nidificano sulle coste e sulle isole nord-europee e del Nord America. Ma negli ultimi anni la popolazioni di questa specie ha subito un forte declino. Dal 2015, questi uccelli sono stati inseriti nell’elenco delle specie vulnerabili dall’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN). 

Speriamo di poterle ammirare ancora dal vivo nei prossimi decenni (e non soltanto attraverso uno schermo!)

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: Festival del Cinema di Roma/Facebook

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook